venerdì, 23 Febbraio, 2024
Sanità

Aiop, necessari interventi su carenze medicina d’urgenza

Le richieste di riformare il settore della medicina di emergenza e urgenza avanzate dai medici specialisti dei Pronto soccorso e del 118 testimoniano le difficoltà che il sistema sta attraversando, a causa una drammatica carenza di personale e turni di lavoro disumani.

Nei giorni scorsi la politica si è detta disposta a un confronto serio e concreto per risolvere i problemi dei cittadini e di chi lavora per sostenere un alto livello di qualità del Servizio Sanitario Nazionale. “Negli ospedali e nei Pronto soccorso italiani la situazione è molto delicata, la carenza di personale medico e infermieristico allunga notevolmente i tempi di attesa e svilisce la qualità dell’assistenza prestata ai pazienti. La disponibilità dei posti letto è sempre più limitata e si fatica a garantire un’adeguata programmazione degli interventi, anche a causa delle poche ambulanze a disposizione delle strutture e della scarsa copertura territoriale del primo soccorso”.

Lo afferma Barbara Cittadini, presidente nazionale di Aiop, l’associazione italiana ospedalità privata, in merito alla protesta degli operatori sanitari dell’emergenza e del 118, che hanno risposto all’iniziativa promossa dalla Società italiana di Medicina d’Emergenza-Urgenza (Simeu) per chiedere interventi mirati sui Pronto soccorso italiani. La presidente di Aiop condivide le proposte avanzate in merito dalla Fiaso, la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere, che chiede retribuzioni più alte per chi lavora nei Pronto soccorso, reclutamento degli specializzandi, istituzione del medico unico di emergenza-urgenza. “Mi auguro che il Governo investa in termini di risorse e progettualità in misura adeguata.

Occorre gestire, con grande senso di responsabilità, queste e altre criticità che interessano la sanità, come i costi elevati delle prestazioni, dei farmaci e dei dispositivi di protezione individuale, l’ammodernamento edilizio e tecnologico delle strutture, la digitalizzazione, la riduzione delle liste d’attesa, le cure per i malati non Covid, le esternalizzazioni dei servizi”, sottolinea Cittadini.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Aiop: Ddl Concorrenza penalizza il Ssn

Emanuela Antonacci

Intesa Irc-Emergency per formazione in medicina d’urgenza

Marco Santarelli

Sanità: quando il privato dà una mano al pubblico

Paolo Fruncillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.