lunedì, 30 Novembre, 2020
Attualità

Feste di Natale, panettone sempre protagonista

Sponsor

Awelco

Panettone sempre più simbolo di Milano anche per i turisti e in tutte le stagioni dell’anno. Sono circa 150 imprese diffuse tra Milano, Monza Brianza Lodi, raccolte intorno alla ricetta tradizionale del “Panettone tipico della tradizione artigianale milanese”, indicata dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi in un apposito disciplinare. L’elenco per zona con le panetterie e pasticcerie è sul sito www.milomb.camcom.it. Questa mappa del panettone tradizionale, segnalata anche da YesMilano (www.yesmilano.it), è disponibile nelle sedi degli Infopoint di Palazzo Giureconsulti e Palazzo Reale.

“Panettone tipico della tradizione artigianale milanese” è il logo promosso dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, insieme a Confcommercio Milano con l’Associazione Panificatori di Milano e Province, Assofood del Coordinamento della Filiera Agroalimentare, Epam, Confartigianato Imprese, Unione Artigiani, Comitato dei Maestri Pasticceri Milanesi e Associazione dei Consumatori, per valorizzare il dolce, simbolo di Milano in Italia e nel mondo. Sono circa 150 i pasticceri e i panettieri di Milano, Monza Brianza e Lodi che aderiscono.

Ciò che distingue il panettone tipico della tradizione artigianale milanese è il fatto di essere realizzato secondo un regolamento tecnico, con determinati ingredienti, nelle proporzioni stabilite e seguendo le tecniche della lavorazione artigianale.

Per Marco Accornero, segretario generale di Unione Artigiani e membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, “con questo logo del panettone promuoviamo la qualità del prodotto artigianale dei nostri territori, in un acquisto pre-natalizio che premi il prodotto fresco, genuino, unico nel suo sapore, nella fragranza e nei profumi”.

Secondo i dati della Camera di commercio, il comparto dolci offre lavoro in Lombardia a oltre 25 mila addetti, +9,8% in dieci anni, in quasi 5 mila imprese attive. Un business, quello dolciario, che nella regione supera i 2 miliardi all’anno. Prima Milano con 1.844 imprese, + 5% in cinque anni e 9.312 addetti, +8,8%, seguita da Brescia con 647 imprese e 3.075 addetti, questi ultimi in crescita del 5% in cinque anni, Bergamo con 537 imprese e 2.485 addetti (+9%), Monza con 347 imprese e 1.396 addetti (+6,6%), Varese con 336 imprese e 2.217 addetti (+5%). A Lodi ci sono 32 imprese e 329 addetti.

Sono 40.483 le imprese attive in Italia nella produzione e commercio di prodotti da forno, stabile in cinque anni, un comparto che offre lavoro a circa 167 mila addetti + 9% in cinque anni. Prime in Italia Napoli con 2.427 imprese dolciarie, + 7,7% in cinque anni, seguita da Roma con 1.875, +6,7%, Milano con 1.875, + 5,2%, Torino con 1.844, +5%, seguono con oltre mille imprese Palermo, Catania, Bari e con quasi mille Salerno (+11%, prima per crescita tra i principali centri dolciari). Per addetti prima Milano, con oltre 9 mila seguita da Roma con 7 mila circa, Napoli e Torino con circa 6 mila.

Articoli correlati

Il Natale dell’uomo moderno

Angelica Bianco

Agroalimentare: Bellanova “A giovani e donne più accesso alla terra”

Redazione

Coronavirus: Ismea, agroalimentare meno investito da tempesta economica

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni