mercoledì, 8 Febbraio, 2023
Ambiente

A E_mob si parla di decarbonizzazione trasporto pubblico

ll trasporto di persone e merci è responsabile di circa il 25% delle emissioni totali di gas a effetto serra dell’Ue. Un peso di rilievo che l’Unione Europea prova ad alleggerire fissando un obiettivo di riduzione delle emissioni di carbonio dell’industria dei trasporti del 90% entro il 2050. Traguardo raggiungibile solo con il contributo di un trasporto pubblico efficiente e a basso impatto ambientale. Questi temi e obiettivi sono anche al centro di molti dei convegni della Conferenza nazionale della mobilità elettrica di e_mob, il festival della mobilità elettrica in programma a Milano dall’1 al 4 ottobre.   In particolare, la mobilità collettiva è protagonista di due approfondimenti specifici nella giornata di martedì 4 ottobre. La decarbonizzazione nel trasporto pubblico e delle merci in ambito urbano è l’oggetto dell’incontro in sala Esposizione di Palazzo dei Giureconsulti delle ore 14 coordinato dai responsabili di Agenzia Mobilità Ambiente Territorio e Rete Ferroviaria Italiana.   Oltre alla transizione elettrica dei mezzi su gomma, come autobus e furgoni, il convegno affronta il tema dello sviluppo delle infrastrutture necessarie per la ricarica dei veicoli da trasporto, non secondaria per garantire un servizio pubblico efficiente. Obiettivo, quest’ultimo, da perseguire anche con azioni pensate per favorire intermodalità, ossia con l’uso combinato di più mezzi per rendere gli spostamenti più veloci e pratici.   In tale contesto assumono rilievo gli hub di mobilità condivisa, ovvero luoghi in cui il trasporto pubblico (treno, metro e bus) incontra un nuovo concept di servizi a zero emissioni come taxi, car rental e lo sharing di scooter, e-bike e monopattini. Altri due argomenti di rilievo affrontati durante il dibattito sono la trasformazione green della logistica con l’adozione di furgoni, furgoncini, scooter e cargo bike elettriche e la necessità di un nuovo ecosistema che faciliti l’utilizzo delle bici nel contesto urbano. Interverranno, tra gli altri, i responsabili di Atm Milano, dell’Osservatorio Digital Innovation e di Mercitalia. La stessa sala Esposizioni ospita alle 11.30 un incontro sulla transizione ecologica del trasporto pubblico su acqua. Un settore, quello della nautica elettrica, emergente e con molte prospettive di crescita tanto che si prevede un aumento del valore del mercato dagli attuali 4,7 miliardi di dollari fino ai 16,2 previsti per il 2030. Incremento di interesse per l’Italia, il paese europeo con la maggior presenza di laghi, fiumi navigabili e coste in Europa.   A farne auspicare la diffusione sono, però, soprattutto i risvolti ambientali con l’eliminazione delle emissioni di zolfo derivanti da combustibile responsabili degli alti livelli di inquinamento delle zone portuali. Il convegno desidera fare il punto della situazione, illustrare le normative in vigore in tema di emissioni e fornire una panoramica sulle tecnologie disponibili e sulle prospettive future del settore.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Cop26, tre passi avanti e uno indietro

Costanza Scozzafava

Stop alle auto nuove con motore termico entro il 2035

Francesco Gentile

90 progetti di ricerca sull’idrogeno ma il Pnrr non basta

Romeo De Angelis

un commento

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.