domenica, 2 Ottobre, 2022
Società

Turismo: per ponte ferragosto Sardegna e Liguria Regioni più prenotate

Il weekend lungo di Ferragosto fa accelerare il turismo. Per il ponte di quattro notti tra il 12 ed il 16 agosto è stato riservato il 91% delle camere disponibili sulle principali piattaforme online, con punte del 96% per le località balneari e del 95% dei laghi. Un tasso di occupazione superiore a quello registrato nel 2019 (86%). Ma il sorpasso è aiutato dal calendario con il Ferragosto che quest’anno cade di lunedì. È quanto emerge dall’indagine del Centro Studi Turistici di Firenze per Assoturismo Confesercenti. Ad essere prese d’assalto soprattutto le riviere, in particolare quelle di Ponente e Levante liguri e Costiera Amalfitana (al 98% di tasso di occupazione).

Buoni risultati sono attesi anche per le località di montagna, con il 92% dell’occupazione, e per le località collinari e del turismo rurale che raggiungono valori medi del 91%. Prosegue la tendenza positiva per le città/centri d’arte con una saturazione media dell’84%: sono soprattutto le piccole e medie città d’arte italiane a registrare i valori più elevati, a differenza delle “grandi” città d’arte che talvolta si attestano sui livelli medi o leggermente inferiori.

Infine, un buon recupero di prenotazioni è stato rilevato anche per le strutture delle località termali e del benessere, con tassi di saturazione del 79% (71% il valore medio del 2019). Tra le regioni con i tassi di occupazioni più elevati si segnalano la Sardegna (97%), la Liguria (97%), il Trentino-Alto Adige e la Valle d’Aosta (entrambe al 96%). A seguire troviamo le Marche (95% di saturazione della disponibilità online), la Puglia e la Sicilia, entrambe con il 94% di saturazione.

“Anche a Ferragosto si conferma il dinamismo del comparto turistico, forse quello che ha dato il maggior contributo alla tenuta del Pil italiano in questa fase difficile”, commenta Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti.

“Anche se il ritorno ai livelli precrisi riguarda, per ora, solo le presenze: la spesa dei viaggiatori è ancora inferiore a quella del 2019, e manca il turismo di lungo raggio. Senza contare che l’aumento dei costi energetici sta erodendo i margini delle attività. L’importante – conclude Messina – è che adesso non ci siano più stop: lavoriamo anzi perché la spinta della stagione estiva non si esaurisca a fine mese e prosegua anche in autunno”. (ITALPRESS)

Sponsor

Articoli correlati

Parte il progetto ‘See Sicily’ la Regione regala notti e servizi ai turisti

Redazione

Turismo, San Marino si promuove a Dubai

Redazione

Garavaglia: “Formazione è punto chiave per il rilancio del settore. In Italia solo 12 ITS, la Spagna ne ha 60”

Redazione

Lascia un commento