mercoledì, 7 Dicembre, 2022
Agroalimentare

Ue, Giansanti (Confagricoltura) “modulare Pac per vincere nuove sfide”

ROMA (ITALPRESS) – "Nella Politica agricola va coniugata efficacia e flessibilità, intervenendo in maniera mirata per implementare le misure dei vari sistemi settoriali di mercato. Gli interventi di sviluppo rurale vanno semplificati e orientati verso investimenti produttivi, che migliorino la competitività delle imprese puntando alla introduzione di innovazioni di processo e di prodotto. Occorre anche garantire una differenziazione a livello territoriale, risolvendo le problematicità di alcuni specifici comparti, territori o beneficiari compensando le scelte del primo pilastro". Lo ha detto il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, in occasione dell'evento conclusivo del progetto europeo "Be green, be smart, be farmer" che si è tenuto oggi alla Casina Valadier, a Roma. Nei 10 appuntamenti, on line e in presenza, tenuti su tutto il territorio sono stati coinvolti oltre 2.000 tra imprenditori agricoli, policy maker europei ed esperti con l'obiettivo di capire come funzionerà e dibattere sulle priorità della nuova Politica agricola comune, che entrerà in vigore da gennaio 2023. "Siamo in una fase di emergenza continua, prima la pandemia, poi l'impennata dei costi delle materie prime e la guerra. La Pac – ha messo in evidenza Giansanti – deve potersi modulare seguendo i tempi e le nuove sfide, altrimenti resta scollata dalla realtà. Contrasto ai cambiamenti climatici, innovazione, sostenibilità, economia circolare sono solo alcuni dei temi fondamentali. Deve essere definito prima possibile il quadro delle regole e degli interventi previsti per poter programmare per tempo le produzioni, gli investimenti e tutte le azioni conseguenti". Per Confagricoltura è necessario confermare il delicato equilibrio delle scelte operate a livello nazionale riguardo il nuovo regime dei pagamenti diretti, senza apportare modifiche che potrebbero comprometterne la coerenza complessiva. Occorre allentare comunque gli obblighi relativi alla "condizionalità rafforzata", in particolare quelli che gravano sui seminativi, così come va prevista una entrata in vigore della "condizionalità sociale" solo dopo aver testato adeguatamente il funzionamento delle nuove procedure. "Il rapporto, che abbiamo consegnato oggi ai decision maker della riforma della Pac, contiene la descrizione delle principali novità che attendono gli agricoltori italiani ed europei e i pareri emersi dalla consultazione con le imprese associate e gli stakeholder. Solo con un Piano Strategico Nazionale improntato a questi principi e definito al più presto per dare certezze ed indirizzi agli operatori – ha concluso Giansanti – si riuscirà ad attualizzare una riforma che si applicherà fino al 2027".(ITALPRESS). Photo credits: ufficio stampa Confagricoltura trl/com
20-Lug-22 14:18

Sponsor

Articoli correlati

Ucraina: Confagricoltura chiede piano di emergenza per agroalimentare

Emanuela Antonacci

Hubfarm, innovazione per le imprese agricole

Redazione

Agricoltura, anche in pandemia cresce l’impegno per la sostenibilità

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.