sabato, 26 Novembre, 2022
Esteri

Israele: Governo di breve durata, ma ci sarà rimpasto

TEL AVIV (ISRAELE) (ITALPRESS) – Con Yair Lapid che assume la carica di primo ministro mentre il paese si dirige alle elezioni, il governo ad interim sta valutando un rimpasto di alcuni portafogli, secondo un rapporto di venerdì. Il notiziario di Channel 13 ha detto che il ministro della Giustizia Gideon Sa’ar potrebbe trasferirsi al ministero degli Esteri (subentrando a Lapid) e il ministro dell’Interno Ayelet Shaked potrebbe prendere il ministero della Giustizia di Sa’ar. Il potenziale cambiamento significherebbe che i ministri stavano seguendo l’accordo di coalizione originale stipulato lo scorso anno, assumendo i ruoli che avrebbero dovuto assumere nell’agosto 2023 una volta che Lapid e Naftali Bennett avrebbero ruotato la premiership. Tuttavia, se Sa’ar e Shaked potranno assumere i nuovi mandati, saranno in grado di ricoprirli solo a titolo provvisorio – vale a dire al massimo tre mesi – poiché avrebbero bisogno dell’approvazione della Knesset per essere nominati ministri permanenti ed è improbabile che lo ottengano ora che la coalizione è in minoranza. Bennett – che mercoledì ha annunciato che non si candiderà alle prossime elezioni – rimarrà nel governo come primo ministro supplente.
Continuerà anche a ricoprire la responsabilità della politica iraniana del Paese.

Il rapporto di Channel 13 ha anche affermato che sono in corso seri colloqui tra Sa’ar e il ministro della Difesa Benny Gantz sulla fusione dei loro partiti New Hope e Blue and White prima delle elezioni, poiché l’alleanza è vista come un potenziale rafforzamento di entrambe le liste. Ha anche notato che l’ex capo di stato maggiore Gadi Eisenkot è stato fortemente corteggiato sia da Blue and White che da Yesh Atid di Lapid, ed è visto come una potenziale punto di riferimento importante per entrambe le parti a causa del suo alto profilo pubblico e della popolarità generale.
Secondo la rete televisiva, entrambi i partiti ritengono che abbia la capacità di attirare elettori sia di sinistra che di destra.
Eisenkot, che è stato capo di stato maggiore dell’IDF dal 2015 al 2019, ora lavora per diversi gruppi di riflessione. Il generale in pensione è stato una delle figure più ambite durante la fase preelettorale del marzo 2021, con il suo nome poi collegato nei rapporti a diversi partiti. Ma Eisenkot alla fine ha deciso di non correre. Nel frattempo, il capo del partito ultra-ortodosso dell’ebraismo della Torah Unita, Moshe Gafni, ha chiamato venerdì Lapid per augurargli buona fortuna, poche ore dopo che quest’ultimo è diventato primo ministro allo scoccare della mezzanotte tra giovedì e venerdì, assumendo la carica di 14° premier nella storia di Israele . Secondo le notizie di Channel 12, entrambe le parti hanno affermato che la conversazione è andata bene. I partiti ultraortodossi hanno a lungo insultato Lapid e il suo partito Yesh Atid, che ha propagandato politiche laiche e si è opposto al controllo ultraortodosso in corso su molte leve del potere.

Tuttavia, Gafni ha ammorbidito la sua posizione negli ultimi anni e l’anno scorso si è persino rifiutato di escludere di stare in coalizione con Lapid. Nel frattempo, il ministro delle finanze Avigdor Liberman ha dichiarato venerdì che potrebbe vedersi come primo ministro in futuro dopo che Bennett ha dimostrato che si può fare senza la necessità di vincere un gran numero di seggi.
“Bennett ha infranto le convenzioni, mi vedo candidato a Primo Ministro. Se una volta pensavo che fosse necessario conquistare almeno 20 seggi (per assumere la premiership), allora Bennett ha dimostrato il contrario e in questo momento tutto è possibile”, ha detto Liberman in un’intervista sempre a Channel 12, apparentemente ignorando la mancanza di stabilità della coalizione o longevità. “Penso di non essere meno (capace di diventare primo ministro) in termini di anzianità, abilità, esecuzione e conoscenza”, ha detto, aggiungendo che c’era la possibilità che avrebbe collaborato con il partito Likud, ma solo se fosse guidato da qualcuno diverso da Benjamin Netanyahu. Domani, domenica, Lapid dovrebbe convocare la prima riunione settimanale del gabinetto.

Il suo mandato alla guida del paese potrebbe essere piuttosto breve, poiché assumerà un governo provvisorio prima delle elezioni nazionali del 1° novembre. Ma il nuovo primo ministro sembrava determinato a sfruttare al meglio il potenziale breve mandato e rafforzare le sue prospettive di vincere un intero mandato in quattro mesi. Entrato in politica solo un decennio fa, l’ex conduttore televisivo centrista sarà il primo ministro non di destra da quando Ehud Barak ha lasciato l’incarico nel 2001 e uno dei pochi senza una significativa esperienza militare.

Sponsor

Articoli correlati

Il mondo civile condanna l’aggressione. Pesanti ritorsioni economiche dell’Europa

Cristina Calzecchi Onesti

Israele, Netanyahu: “Non permetteremo di stravolgere la pace di Gerusalemme”

Francesco Gentile

Israele: al voto per la quinta volta dal marzo 2019

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.