domenica, 3 Luglio, 2022
Lavoro

Occupazione in crescita nonostante la guerra

Il tasso di occupazione in Italia sembra restare stabile se non leggermente in crescita nonostante tutte le difficoltà dei mercati derivanti dal caro prezzi. Secondo quanto emerge dalla ultima nota della Banca d’Italia sul mercato del lavoro, dall’inizio dell’anno sono stati assegnati 260.000 posti di lavoro, un valore di poco inferiore a quello dello stesso periodo del 2019.  Il numero delle cessazioni si è ormai assestato sui livelli del 2019, sebbene quello dei licenziamenti sia ancora lievemente inferiore ai valori...
Per accedere all'articolo completo devi essere abbonato ad uno dei nostri piani: Abbonamento Annuale o Abbonamento Semestrale. Se sei già abbonato effettua il log in
Sponsor

Articoli correlati

Ucraina. Confcommercio, un manifesto contro la guerra. Sangalli: segnale di solidarietà per le popolazioni colpite

Marco Santarelli

Disoccupazione: non solo Italia, nel 2020 anche in Austria brusco calo

Redazione

PMI: la digitalizzazione per la crescita economica del Paese

Valerio Servillo