sabato, 23 Ottobre, 2021
Società

Al via il concorso “Stop Violenza”

Al via in Campania la IV edizione del concorso “Stop Violenza”. L’iniziativa, promossa dall’Assessorato alle pari opportunità in occasione della Giornata Mondiale contro la Violenza di Genere indetta il 25 novembre, ha lo scopo di sensibilizzare i giovani contro la violenza di genere.

Negli anni scorsi la manifestazione ha visto la partecipazione di alcune centinaia di scuole. I concorrenti sono chiamati alla realizzazione di prodotti che la Regione utilizzerà, come per gli anni precedenti, in campagne istituzionali di sensibilizzazione. Possono partecipare gli studenti, riuniti per gruppi o classi, iscritti a Tutte le scuole di ogni ordine e grado e ad enti di formazione della Regione Campania. La scadenza per l’invio dei lavori è fissata per il 16 novembre.

Inoltre da quest’anno sarà presente una sezione speciale con premio per le scuole primarie che affrontano il tema violenza di genere partendo dall’educazione al rispetto e dal contrasto agli stereotipi.

Gli istituti scolastici e gli enti di formazione che intendono partecipare al concorso potranno scegliere tra la realizzazione di un manifesto, foto o creazione artistica con relativo slogan, a colori o in bianco e nero, quella  di un video reportage, della durata massima di 45 secondi (con titoli di apertura e di coda, immagini, interviste e/o voci narranti) e/o un video clip musicale, della durata massima di 1 minuto, che dovrà essere realizzato con musica e testi. I prodotti presentati dovranno essere inediti ed esclusivamente in formato digitale, riguardanti il tema oggetto del concorso

Nel corso del 2018 sono state 1258 le donne che in Campania si sono rivolte agli sportelli antiviolenza attivi sul territorio regionale. Il dato è emerso in occasione della presentazione del Rapporto annuale dell’Osservatorio sul fenomeno della violenza sulle donne presentato nelle scorse settimane nella sede del Consiglio regionale della Campania alla presenza della presidente del Consiglio regionale della Campania, Rosa D’Amelio, della presidente dello stesso Osservatorio, Rosaria Bruno e dell’assessora alle Pari Opportunità e Formazione, Chiara Marciani. Il maggior numero di donne che ha fatto ricorso ai servizi dei centri antiviolenza proviene dalla provincia di Napoli (703). Al secondo posto c’è la provincia di Salerno con 248 casi.

Sponsor

Articoli correlati

Coronavirus; Commercialisti, il piano economico della Regione Campania non recepisce le nostre proposte

Redazione

Violenza donne: Uil Lazio “oltre 400 stupri a Roma nel 2018”

Redazione

I bimbi spettatori di soprusi e violenze

Maurizio Piccinino

Lascia un commento