venerdì, 6 Dicembre, 2019
Articoli del Giorno Società

Beni confiscati, a Ostia convegno di Advisora

“Il Codice riformato: il dialogo tra le Corti e le prospettive nel contesto normativo in evoluzione”: questo il titolo dell’importante convegno organizzato nei giorni scorsi da “Advisora”, l’associazione nazionale che ha costituito una grande rete di professionisti, che coopera attraverso lo scambio di esperienze, professionalità ed informazioni nell’ambito dell’amministrazione giudiziaria di beni ed aziende sequestrati e confiscati.

L’iniziativa di altissimo valore, alla luce degli autorevoli ospiti che vi hanno preso parte in qualità di relatori, si è svolta all’interno del “Village” di Ostia, bene confiscato alla criminalità organizzata.

L’evento si è aperto con la prestigiosa partecipazione, tra gli altri, del Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, Federico Cafiero De Raho, e del Direttore dell’Agenzia Nazionale per i Beni Sequestrati e Confiscati, Bruno Frattasi.
Entrambi gli interventi – si legge in una nota – hanno sottolineato l’importanza delle misure di prevenzione, nate dall’intuizione di Pio La Torre che, proprio a causa del suo impegno, perse la vita per mano della criminalità organizzata, dando impulso alla prima forma di legislazione finalizzata alla sottrazione dei patrimoni di pertinenza delle mafie”.

In particolare “è stata evidenziata la particolare rilevanza assunta dalle misure di prevenzione ablative finalizzate al sequestro e confisca delle aziende in mano alla criminalità organizzata, per il ruolo e la rilevanza che assumono nel contesto sociale di alcuni territori. L’allocuzione ha quindi marcato la dicotomia tra il ruolo e le aspettative statuali e dei singoli stakeholders, rispetto alle finalità delle misure ablative imposte alle aziende infiltrate dalle mafie”.

Il sequestro e la confisca portano in risalto tutti i limiti di aziende gestite con modalità di concorrenza sleale sul mercato, in assenza del rispetto di qualsivoglia forma di legalità, non solo in riferimento alla provenienza illecita della finanza necessaria alla gestione aziendale, ma anche alla mancata adesione a tutte le normative in materia giuslavoristica e fiscale, bancaria e civilistica.

“Con fermezza – si legge ancora nel resoconto – è stata affermata l’ineludibile esigenza che lo Stato non possa in alcun modo abdicare allo sradicamento dal tessuto economico di tali imprese, nonostante ciò possa comportare la presa di coscienza della loro incapacità a stare sul mercato regolarmente, conclamando, quindi, una loro crisi già ampiamente presente al momento del sequestro o confisca, che devono individuarsi come il valente punto di rottura di un percorso di illegalità”.

D’altro canto risulta di altrettanta rilevanza, il riverbero che le misure ablative hanno sui diversi portatori di interesse coinvolti nella gestione di queste aziende; dipendenti e fornitori, ma soprattutto i primi, possono vedere interrotte le proprie aspettative sul futuro, a causa dell’evidenziarsi della crisi delle aziende; ed è proprio in riferimento a questo snodo cruciale che è stata sottolineata l’importanza del ruolo e della professionalità degli amministratori giudiziari, cui è assegnato il gravoso compito di distinguere le aziende già decotte e fuori mercato, già dal momento dell’applicazione della misura di prevenzione, da quelle che intrinsecamente conservano le caratteristiche utili al loro risanamento e riconversione alla legalità e impegnando in primis lo Stato nella ricerca di alternative utili, a fare in modo che gli spazi lasciati dall’illegalità, con le misure ablative applicate alle aziende controllate dalle mafie, vengano riempiti da virtuosi circuiti di legalità.

In tal senso l’ultimo richiamo è stato indirizzato alla politica, perché mostri sempre più sensibilità nel dotare di ulteriori strumenti gli enti e le forze impegnate nella lotta alla criminalità organizzata.

Di grande interesse anche i workshop inseriti nel contesto della giornata di studio.

Il primo, moderato dal professore Fabio Basile, ordinario di Diritto penale nell’Università di Milano, su “La prevenzione nei confini della Costituzione e della Cedu”, ha registrato la partecipazione di Giovanni Conzo, procuratore aggiuntopresso il Tribunale di Benevento, Alessandro D’Alessio, sostituto procuratore della Dda di Napoli, Vincenzo Lomonte, Presidente della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Napoli, Raffaello Magi, consigliere di Cassazione.

Il workshop su “Sequestrare e proseguire”, con Federica Colucci, magistrato del Tribunale delle imprese di Napoli, Luca D’Amore, amministratore giudiziario, Guglielmo Muntoni, Presidente della Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Roma, Alessandro Oliva, amministratore giudiziario, associato Advisora, Fabio Pantaleo, Responsabile Misure di Prevenzione Unicredit e Vittorio Vecchione, amministratore giudiziario, associato Advisora, è stato moderato da Roberto De Luca, aziendalista, socio fondatore e componente di Advisora. Infine il workshop su “Prevenzione e insolvenza nella prospettiva del codice della crisi”, moderato da Giuanluca Varraso, professore ordinario di diritto processuale penale nell’Università Cattolica di Milano, ha registrato le presente di Fabio Cesare, avvocato e gestore della crisi press Occ di sovraindebitamento dell’Ordine degli Avvocati di Milano, vicepresidente Advisora, Davide Franco, amministratore giudiziario, Roberto Paese, amministratore giudiziario, associato Advisora. L’iniziativa di studio è perfettamente riuscita grazie alla supervisione ed al coordinamento della presidente di Advisora, l’avvocato Marcella Vulcano, e dei suoi più stretti collaboratori.

Related posts

Aziende confiscate, servono manager preparati

c. a.

Beni confiscati, la Campania in prima linea nel riuso sociale

c. a.

A Cagliari il campo estivo della legalità delle Acli

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni