martedì, 17 Maggio, 2022
Regioni

Basilicata, tremila aziende agricole sostenute nel corso della pandemia

“Il Dipartimento Politiche agricole e forestali ha profuso un incessante e intenso impegno di energie lavorative e di risorse, circa 10 milioni di euro in totale, a favore del sistema agroalimentare lucano nel periodo in cui, a causa della pandemia, molti operatori hanno richiesto sostegno”. Lo afferma il vicepresidente e assessore alle Politiche agricole e forestali della Basilicata Francesco Fanelli, ricordando che sono state oltre 3.000 le aziende beneficiarie degli aiuti. Da ultimo, le 723 domande finanziate, per un importo di 1.800.000 euro, a valere sul bando RIPOV (Rete Interventi Programma Operativo Val d’Agri – Melandro – Sauro – Camastra), Linea D.2 “Interventi a sostegno dell’agricoltura in area POV per le aziende agricole”. Il bando è stato pubblicato sul BURB n. 79 del 1° novembre ed è consultabile sul sito della Regione Basilicata.

I 723 beneficiari riceveranno un contributo forfettario variabile dai mille ai settemila euro, in proporzione al fatturato relativo all’annualità 2019, oppure alla media dei ricavi valutati sul triennio 2017 – 2019, a titolo di ristoro per le perdite subite nel corso dell’emergenza sanitaria da COVID-19. Il bando è stato redatto in stretta collaborazione con i sindaci dei 35 comuni rientranti nell’area del Programma Operativo, a seguito di una fase di concertazione con il Dipartimento Politiche Agricole e Forestali, avviata negli ultimi mesi del 2020. “L’obiettivo dell’intervento – sostiene Fanelli – è quello di dare liquidità alle aziende agricole del Programma Val d’Agri per fronteggiare le difficoltà di carattere produttivo e commerciale create dalla pandemia”.

Questa azione va ad aggiungersi a quanto già realizzato con la misura 21 del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014-2020 della Regione Basilicata, mediante la quale sono stati concessi ulteriori contributi forfettari a 2.200 aziende agricole lucane, per un aiuto complessivo di 7,3 milioni di euro, di cui 1,480 milioni di euro alle aziende agrituristiche e alle fattorie didattiche che, proprio nel periodo più difficile dell’emergenza sanitaria, sono state costrette a cessare temporaneamente le proprie attività. Infine, circa 80 aziende del settore lattiero caseario hanno ricevuto un aiuto straordinario necessario a fronteggiare la crisi che le aveva colpite nella prima ondata da Covid-19 e che aveva causato una riduzione delle vendite. “Desidero ringraziare le rappresentanze datoriali del comparto, con le quali ho sempre mantenuto vivo il confronto – conclude il vicepresidente – per il contributo offerto in questa fase, al fine di condividere scelte difficili in un momento particolarmente problematico”.

Sponsor

Articoli correlati

Sanità, Razza: “Su punti nascita in Sicilia sciacallaggio”

Redazione

Fondo unico, al via trasferimento risorse ai Comuni della Sardegna

Redazione

Metro Catania, in servizio il primo dei treni finanziati dalla Regione

Redazione

Lascia un commento