domenica, 16 Febbraio, 2020
Articoli del Giorno Società

A Cernobbio il Forum internazionale dell’agricoltura

Tutto pronto per il Forum internazionale dell’agricoltura e dell’alimentazione, organizzato dalla Coldiretti con la collaborazione di The European House – Ambrosetti. L’appuntamento è a Villa d’Este a Cernobbio, sul lago di Como, l’11 e il 12 ottobre.

Il Forum è l’appuntamento annuale per l’agroalimentare che riunisce i maggiori esperti, opinionisti ed esponenti del mondo accademico nonché rappresentanti istituzionali, responsabili delle forze sociali, economiche, finanziarie e politiche nazionali ed estere.

La XVIII edizione inizia venerdì 11 ottobre alle ore 9, con l’apertura del “Salone dell’economia circolare” e le dimostrazioni pratiche delle esperienze più innovative delle imprese agricole. Una risposta alla “Svolta green degli italiani” al centro della prima Indagine Coldiretti/Ixè che sarà presentata nella conferenza stampa di apertura del presidente nazionale della Coldiretti, Ettore Prandini. Il secondo giorno, sabato 12 ottobre, alle 9, verrà apparecchiata la prima tavola dei cibi più pericolosi venduti in Italia con il primo rapporto sulla sicurezza alimentare nel 2019.

Nell’arco dei due giorni saranno affrontati temi correlati all’ambiente, alla sicurezza alimentare e all’economia con spazi di approfondimento e la presentazione di indagini, ricerche ed esposizioni mirate. Specifiche sessioni di approfondimento saranno dedicate alle infrastrutture materiali e immateriali, ai rapporti di filiera, alle forme emergenti di distribuzione commerciale, alle politiche per l’Europa, ai dazi e alle guerre commerciali, con un focus dedicato alla Brexit.

Related posts

Shock petroliero, guai per l’Italia

Maurizio Piccinino

Coldiretti: “Cibo prima ricchezza paese, vale 25% Pil”

Redazione

Maltempo: Coldiretti, il conto dei danni sale a oltre 100 milioni

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni