venerdì, 3 Dicembre, 2021
Società

Premio Welfare Index. Ecco le imprese che creano lavoro e benessere sociale. Seimila le Pmi che hanno partecipato

Imprese che producono, che danno lavoro e sono campioni di welfare sociale. Danno servizi ai lavoratori, creano le condizioni di migliorare i livelli di sicurezza, ambientale e di collaborazione. Sono imprese che hanno ricevuto il Premio Welfare Index Pmi nella categoria artigianato.

Più brave in welfare

Galvanica Sata Srl di Castenedolo (Brescia), Inel Elettronica di Mussolente (Vicenza), Dario Rino di Dario Andrea & C di Belfiore (Verona), Metal.B Srl di Marano Vicentino (Vicenza), Effebi Arredamenti Snc di Cantù (Como), Equilibrio e Benessere Srl di Villa Poma (Mantova). Sono loro che nel giudizio di una commissione di hanno ricevuto il Premio Welfare Index Pmi nella categoria artigianato per le loro iniziative di welfare aziendale e i progetti per la tutela della sicurezza e del benessere dei dipendenti.

I titolari delle aziende hanno ricevuto il riconoscimento durante l’edizione 2021 di Welfare Index Pmi, svoltasi a Roma e promossa da Generali Italia con la partecipazione di Confartigianato, Confindustria, Confagricoltura, Confcommercio e Confprofessioni.

Nel corso dell’evento, al quale è intervenuto il Delegato del Presidente Confartigianato al Lavoro e Bilateralità Dario Bruni, è stato presentato il Rapporto Welfare Index PMI 2021 sullo stato del welfare nelle piccole e medie imprese italiane, giunto alla sesta edizione, che ha coinvolto più di 6000 imprese di tutti i settori produttivi e di tutte le dimensioni.

Imprese e Piano di ripresa Dal Rapporto emerge che il welfare aziendale genera impatto sociale: le piccole e medie imprese italiane hanno avuto un ruolo centrale nell’affrontare l’emergenza Covid-19 ed è aumentata la consapevolezza del loro impatto sociale attraverso iniziative di welfare aziendale. Oggi le PMI sono fondamentali per la ripresa e rinascita del Paese e le loro strategie di welfare aziendale sostengono le priorità del Piano nazionale di Ripresa: Salute, Donne, Giovani, Famiglie e Comunità.

La presentazione Il Rapporto Welfare Index PMI 2021 è stato illustrato alla presenza di Andrea Orlando, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali; Anna Ascani, Sottosegretario al Ministero dello Sviluppo Economico, Marco Sesana, Country Manager & Ceo Generali Italia e Global Business Lines; Massimiliano Giansanti, Presidente Confagricoltura; Gaetano Stella, Presidente Confprofessioni; Dario Bruni, Delegato del Presidente Confartigianato al Lavoro e Bilateralità; Maurizio Grifoni, Presidente Fondo FON.TE Confcommercio; Maurizio Stirpe, Vice Presidente Confindustria per le Relazioni Industriali; Lucia Sciacca, Direttore Comunicazione e Sostenibilità di Generali Country Italia e Global Business Lines e Membro del Comitato Welfare Index PMI; Andrea Mencattini, Head of Governance & Institutional Relations Generali Italia; Enea Dallaglio, Partner Innovation Team – Gruppo Cerved.

L’impegno delle Pmi Nell’occasione, è stato assegnato a 105 imprese Welfare Champion il rating 5W (erano 22 nel 2017). Storie straordinarie di imprese che si sono impegnate su temi rilevanti per il Paese. Si tratta delle realtà caratterizzate da numerose iniziative in diversi ambiti del welfare aziendale, capacità gestionali e impegno economico-organizzativo elevati e impatti sociali significativi sulle comunità interne ed esterne all’impresa.

Sponsor

Articoli correlati

Vaccarino (CNA): bene Draghi. Per la crescita credito alle imprese

Francesco Gentile

Allarme CNA. Materie prime su, utili in calo. Imprese a rischio

Giulia Catone

Gli aiuti. Agricoltura, danni da cambiamenti climatici. Accordo Stato-Regioni a sostegno delle imprese

Ettore Di Bartolomeo

Lascia un commento