mercoledì, 29 Maggio, 2024
Ambiente

Riciclo carta e cartone: l’Italia primeggia in Europa

La pandemia si è insinuata nella vita delle persone, mutandone le abitudini. Alcuni di esse, però, sembrano essere rimaste invariate. Gli italiani, infatti, nonostante l’aumento dell’e-commerce e del delivery, hanno dimostrato di confermare la centralità della raccolta differenziata come abitudine quotidiana.

È quanto rivela il Comieco, Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, nel suo Rapporto Annuale sulla raccolta differenziata e riciclo di carta e cartone in Italia, giunto quest’anno alla ventiseiesima edizione.

 

Sud, continua il trend positivo

Il lockdown ha modificato talune previsioni, ma “le raccolte differenziate hanno tenuto, in particolare quella di carta e cartone” – ha fatto notare Carlo Montalbetti, Direttore Generale Comieco -. In un contesto in cui, a livello nazionale, i rifiuti si riducono del 3% e le raccolte differenziate complessive calano del 2,5%, quella di carta e cartone diminuisce di poco, solo dello 0,6%. In controtendenza il tasso di riciclo degli imballaggi cellulosici arrivato a quota 87%, ben 6 punti percentuali sopra rispetto al 2019”.

E il Sud, avendo risentito meno delle restrizioni, continua a incrementare i volumi di raccolta (+4%), distinguendosi per essere l’unica macroarea in positivo del Paese.

Il trend del Sud Italia vede la Campania in testa (+10.703 t), seguita da Calabria (+6.281 t) e Sicilia (+4.611 t), mentre dal punto di vista di miglioramento della performance, è il Molise (+8,2%) a guidare la classifica.

Il Centro (-2,8%) e il Nord (-1,8%) registrano un calo di oltre 56mila tonnellate, effetto diretto dei mesi di fermo. Nello specifico, la Toscana (-14mila t), nonostante si confermi capofila della macroarea per raccolta pro-capite (77,4 kg/ab-anno), incide per oltre la metà sul decremento dell’area.

Il Nord, invece, ha perso oltre 33mila tonnellate rispetto al 2019 (-1,8%). Segnali positivi, però, arrivano dalla Liguria (+2,7%) e dalla Valle d’Aosta (+1,2%). Il maggiore calo si riscontra in Veneto (-3,8%) ed Emilia Romagna (-3,7%) che, però, conserva il primato nazionale nella raccolta media pro-capite (82,1 kg/ab).

Dal punto di vista qualitativo, è ancora il Nord a detenere il primato. Migliora il Centro e peggiora il Sud, restando entrambi ancora al di sopra della soglia di impurità del 3% indicata dall’Allegato Tecnico Carta.

 

Italia e Obiettivi 2030 Ue

Dai dati raccolti sembrerebbe che, con circa 10 anni di anticipo, l’Italia abbia centrato gli Obiettivi 2030 dell’Ue, posizionandosi ai primi posti per i volumi di carta e cartone avviati a riciclo e del tasso di riciclo.

Dal Rapporto realizzato da Comieco, infatti, emerge che nel nostro Paese il tasso di riciclo degli imballaggi cellulosici ha raggiunto l’87,3%.

Un comparto destinato a migliorare anche grazie alle convenzioni, “nel 2020 è stata ulteriormente confermata la sussidiarietà al mercato del sistema consortile, capace di ammortizzare le variazioni del mercato e gestire volumi addizionali, garantendo il servizio di ritiro e dunque l’avvio a riciclo di carta e cartone su tutto il territorio nazionale”, ha dichiarato Alberto Marchi, Presidente di Comieco.

La filiera della carta e del cartone si conferma così “sistema industriale faro dell’economia circolare italiana”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Immigrazione, qualche idea per evitare l’illegalità

Lero Lorenzoni

Kabul. Atrocità contro le donne. 70 profughi salvati da inviata del Tg1

Cristina Calzecchi Onesti

Comieco, grande sforzo anche in pandemia: raccolte 3.5 mln tonnellate carta nel 2020

Francesco Gentile

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.