sabato, 16 Ottobre, 2021
Salute

Migliore “Aziende sanitarie pronte a confronto su cybersicurezza”

ROMA (ITALPRESS) – "L'istituzione dell'Agenzia per la cybersicurezza nazionale, oggi all'ordine del giorno del Senato, rappresenta un primo importante passo verso una maggiore sicurezza delle reti e dei sistemi informativi della quale abbiamo estremamente bisogno, anche in sanita'. Come ha dimostrato il cyberattacco avvenuto ai danni del sistema sanitario della Regione Lazio, impegnato nella campagna di vaccinazione contro il Covid, occorre fare di piu' e subito. L'offensiva degli hacker ai sistemi informatici della Regione Lazio, che compromette l'accesso dei cittadini al servizio sanitario, e' un fatto gravissimo. E' un attacco alla nostra Costituzione e al diritto di tutela della salute pubblica". Cosi' Giovanni Migliore, Presidente della Fiaso, la Federazione Italiana delle Aziende Sanitarie ed Ospedaliere, ha commentato la discussione in Senato, questo pomeriggio, del DL in materia di cybersicurezza. "La sanita' ha un sistema particolarmente esposto con numerose porte di accesso – ha proseguito Migliore – La tutela della riservatezza dei dati riguardanti la salute dei cittadini, deve quindi essere inserita tra le priorita' della nuova Agenzia. Dobbiamo lavorare per ridurre il grado di vulnerabilita' dei nostri sistemi e sviluppare insieme efficaci strategie di intervento e contrasto alle cyberminacce. L'importanza delle questioni legate alla cybersicurezza e' destinata a crescere con l'introduzione delle tecnologie collegate al 5G e la digitalizzazione crescente della Pa. Fiaso e' impegnata da anni su questi temi e mette sin d'ora a disposizione della nuova Agenzia l'esperienza e le competenze delle Aziende e del management della sanita' italiana". Fiaso si e' dedicata, in particolare, ad un lavoro attento di analisi finalizzato ad una prevenzione piu' efficace dei fattori di rischio, che ha visto anche collaborazioni con l'Agid (l'Agenzia per l'Italia Digitale) e la Polizia postale, a partire dalle implicazioni per le Aziende sanitarie italiane delle norme sul Gdpr. Obiettivi prioritari, promuovere l'integrazione dei data center, la formazione sulla sicurezza informatica, il consolidamento di competenze interne alle Aziende sanitarie. Un lavoro che ha coinvolto le principali figure aziendali interessate, risk manager, data protection officer, responsabili della privacy, ingegneri clinici, oltre che le direzioni strategiche, e che si e' sviluppato successivamente anche attraverso una intensa attivita' di formazione sugli stessi temi. In particolare, Fiaso si e' concentrata sulla necessita' di prevedere risorse professionali interne alle Aziende sanitarie in grado di tenere sotto controllo costantemente il quadro integrato di tutte le questioni riguardanti la sicurezza informatica. La condivisione dei dati clinici e' essenziale per i modelli di presa in carico di cura ed assistenza, ma cio' obbliga a disporre di sistemi di sicurezza che garantiscano sempre di piu' dal rischio di violazioni in un ambito cosi' delicato. (ITALPRESS). fil/com 03-Ago-21 16:12

Sponsor

Articoli correlati

Covid, pediatri e ginecologi: “Subito il vaccino a donne incinte e bimbi”

Angelica Bianco

Vaccino, 91.360 eventi avversi su 76,5 mln di dosi, l’86% non gravi

Redazione

Palermo (Comlas) “Rafforzare qualita’ e organizzazione del Ssn”

Redazione

Lascia un commento