mercoledì, 16 Giugno, 2021
Ambiente

Fiume Po, ristoro momentaneo grazie alle piogge imminenti

Un mese di marzo senza piogge significative e un mese di aprile considerato dalla statistica uno tra i piu` freddi degli ultimi 30 anni, caratterizzato da temperature ben al di sotto delle medie (generalmente -2 gradi), hanno impedito il repentino scioglimento del manto nevoso presente sui rilievi e il contestuale verificarsi delle cosiddette “morbide” primaverili del Grande Fiume, ovvero la discesa lenta, ma corposa dei flussi di risorsa idrica lungo l’asta del Po fino al Delta. Le precipitazioni abbondanti che...
Per accedere all'articolo completo devi essere abbonato ad uno dei nostri piani: Abbonamento Annuale o Abbonamento Semestrale. Se sei già abbonato effettua il log in
Sponsor

Articoli correlati

Il fiume Po è in secca

Redazione

Barriere nel Tevere per raccolta plastica, parte progetto

Redazione

Cnr, controllo Co2 ha effetto immediato su piogge

Redazione