giovedì, 18 Agosto, 2022
Lavoro

“Tanta preoccupazione per i dati sul mercato del lavoro diffusi dall’Istat

“Occorre fare in fretta. Il lieve sospiro del dato congiunturale di marzo, con il leggero aumento degli occupati, se spalmato sul primo trimestre di quest’anno, ci dice ben altro”. Cosi’ Ivana Veronese, segretaria confederale della Uil. “Rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, quindi nel periodo pre-pandemico, sono stati persi circa 840 mila posti di lavoro a tempo pieno e il numero di inattivi e disoccupati e’ cresciuto di 614 mila unita’. A questi numeri non certo confortanti – aggiunge -, occorre aggiungere la difficolta’ dei giovani alla ricerca di un lavoro, ben rappresentata dal tasso di disoccupazione che a marzo e’ del 33%”.

“Non c’e’ quindi altro tempo da perdere su riforme che possono incidere su percorsi di ripresa del nostro tessuto produttivo e occupazionale. Come l’altro anno, purtroppo anche quest’anno, il 1 maggio, non sara’ una festa per cui gioire, ma sicuramente una giornata per far sentire forte la voce delle tante lavoratrici e lavoratori sul loro diritto ad un lavoro dignitoso per oggi e per il futuro”, conclude Veronese.

Sponsor

Articoli correlati

Indennità per la quarantena. Veronese (Uil): bene il ministro Orlando ma serve di più

Paolo Fruncillo

Imu: studio Uil, 25 milioni proprietari verseranno 9,5 mld di acconto

Redazione

Lavoro precario. Veronese (Uil): troppi contratti “somministrati” di un mese

Marco Santarelli

Lascia un commento