mercoledì, 5 Maggio, 2021
Cultura

Testi editi e inediti di Aldo Moro in digitale e aperti a tutti

L’Università di Bologna prende parte al progetto dell’Edizione nazionale delle opere di Aldo Moro, un’iniziativa del Ministero per i beni e le attività culturali, avviata nel 2016, con l’obiettivo di proporre un’edizione critica, filologicamente avvertita e annotata, dei testi editi e inediti di Aldo Moro. L’obiettivo è quello di fornire non solo un prodotto culturale universalmente fruibile dai cittadini, ma anche un nuovo standard per la ricerca nazionale e internazionale sulla comunicazione politica. Un lavoro che vede integrarsi, in modo coordinato e sinergico, le conoscenze scientifiche, il know-how tecnico, i servizi e le infrastrutture esistenti in Ateneo necessarie alla realizzazione dell’Edizione digitale.

Nel team dell’Alma Mater, i ricercatori del Digital Humanities Advanced Research Centre (DH-ARC) del Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica, guidati dalla professoressa Francesca Tomasi e dal Professore Aldo Gangemi, forniscono le competenze scientifiche necessarie alla realizzazione di modelli per l’annotazione critica dei testi secondo lo stato dell’arte di standard internazionalmente condivisi e lo sviluppo della piattaforma web per la fruizione dell’edizione digitale, mentre le ricerche nell’ambito delle applicazioni software per l’annotazione e la codifica documentale, coordinate dal professore Fabio Vitali del Dipartimento di Informatica – Scienza e Ingegneria (DISI), hanno fornito l’ambiente di annotazione testuale assistita utilizzato dagli esperti.

Il TEMPLA del Dipartimento di Storia Culture e Civiltà ha messo a disposizione l’expertise e la tecnologia per l’acquisizione digitale e il riconoscimento automatico dei caratteri di testi a stampa. Saranno, inoltre, fondamentali le infrastrutture per la conservazione e pubblicazione di documentazione digitale, nell’ambito dei servizi di Digital library dell’Area Biblioteche e Servizi allo Studio, in grado di assegnare alle risorse digitali identificatori persistenti e di effettuare il deposito legale presso Magazzini Digitali, grazie alle convenzioni in essere con CRUI-DataCite e le Biblioteche Nazionali Centrali di Roma e Firenze.

Per lavorare al progetto sono stati finanziati dall’Edizione, grazie ad una convenzione promossa dal Sistema Bibliotecario di Ateneo due assegni di ricerca conferiti ai dottori Francesco Paolucci e Sebastian Barzaghi per l’elaborazione del modello dei dati e lo sviluppo della piattaforma web. Sono stati inoltre attivati 6 tirocini curricolari per gli studenti del corso Digital Humanities and Digital Knowledge e di Italianistica che avranno la possibilità di partecipare alla realizzazione dell’Edizione digitale. Le studentesse Giulia Massimino e Ariele Santello stanno già collaborando alle attività di progetto.

Il Comitato scientifico del progetto è presieduto dal prof. Renato Moro, nipote di Aldo Moro e docente presso l’Università degli Studi Roma Tre, ed è costituito da molti docenti e studiosi di enti e università italiane, tra cui il professore Paolo Pombeni, emerito dell’Alma Mater, e la professoressa Maria Salvati che ha insegnato Storia contemporanea in Unibo fino al 2013. I dettagli del progetto con le varie fasi di realizzazione sono presentati sul sito dell’Edizione Nazionale delle Opere di Aldo Moro.

Sponsor

Articoli correlati

Lettera al Direttore…

Maria Fida Moro

Ricordiamo chi siamo

Redazione

Vittoria Leone, l’incanto di una First Lady

Giampiero Catone

Lascia un commento