lunedì, 17 Maggio, 2021
Salute

Contapassi, il nostro personal trainer

La lotta all’obesità trova nella corsa contro il peso numerosi passaggi sia consecutivi che paralleli con difficoltà facilmente superabili, purché affrontati senza rischi e sotto controllo medico. Un esempio. Stabilito il corretto regime alimentare relativamente alle necessità di ciascuno sulla base delle proprie peculiarità di salute del momento, un parallelo criterio da stabilire è la quantità e la qualità di movimento da fare in un giorno.

 

CON PISCINE E PALESTRE CHIUSE, CAMMINARE

Occorre mettere in conto, ovviamente, età, abitudini quotidiane personali e di lavoro, patologie eventualmente presenti, disponibilità di tempo da dedicare all’attività motoria, se non propriamente sportiva. Attualmente palestre e piscine sono chiuse, ma ciò che possiamo liberamente fare indipendentemente dagli opportuni e noti condizionamenti è certamente camminare. E allora: via con il contapassi! Che sia il bracciale supertecnologico degli sportivi o un braccialino elegante ma funzionale come quello al polso di Camilla Shand Duchessa di Cornovaglia o un minimarsupio mimetizzato con l’abbigliamento, purché diventi il nostro inseparabile personal trainer. Oppure, soluzione immediata: una App da scaricare in pochi secondi sul nostro cellulare.

 

MAGGIOR CONTROLLO DEL PESO

E adesso… camminiamo! …anche in ufficio e in casa, e potremo verificare sul contapassi che, cambiate le abitudini sedentarie, conteremo migliaia di passi in più al giorno con conseguente maggiore consumo di calorie, per cui il bilancio calorico tra assunzione e consumo, almeno minimamente, si sposterà a favore della riduzione dell’accumulo, il che favorirà certamente un maggiore controllo del peso corporeo. Contapassi, il nostro personal trainer, paradossalmente silenzioso ed eloquente.

Sponsor

Articoli correlati

Diabete in Italia. +60%. Obesità e stili di vita. Forte aumento al Nord

Francesco Gentile

Obesità assorbe il 4% della spesa nazionale

Redazione

Palestre al televoto. Vaghezza e poca scientificità: il nuovo DPCM

Americo Mascarucci

Lascia un commento