mercoledì, 23 Giugno, 2021
Ambiente

La tutela dell’acqua è un dovere di tutti

L’acqua è un dono della natura di inestimabile valore al quale è connesso ogni aspetto della vita dell’uomo e della Terra. Ne usufruiamo direttamente per bere e lavarsi, e da essa dipendono l’intera catena alimentare e i processi industriali che mandano avanti l’economia.

Riconosciuta dall’Onu come diritto fondamentale, è titolare del benessere delle persone e della prosperità economica. Salvare il ciclo dell’acqua ripristinando i meccanismi naturali, soprattutto in un periodo fortemente segnato dai cambiamenti climatici, vuol dire garantire pace ed equità.

 

I DATI SULL’ACQUA NEL MONDO

La fotografia che restituisce il rapporto annuale di UN-Water, pubblicato a marzo in occasione della Giornata mondiale dell’acqua, non è confortante.

Nel mondo “2,2 miliardi di persone non hanno un accesso sicuro all’acqua potabile (dati 2017); 4,2 miliardi di persone non dispongono di adeguati servizi igienico-sanitari, di cui 673 milioni ne hanno totale assenza; meno del 50% dell’acqua a uso civile è trattata in maniera adeguata in 24 Paesi su 75, di questi 75 buona parte sono Paesi ricchi; oltre 3 miliardi di persone sono a rischio poiché è sconosciuta la salute dei loro fiumi, laghi, e acque sotterranee; 2,3 miliardi di persone sul pianeta vive in Paesi in condizione di stress idrico”.

A questi numeri si aggiunge il fatto che ben 129 Paesi non sono in linea con il conseguimento del Goal 6 dell’Agenda 2030, e solo 22 hanno avviato rapporti di cooperazione nella gestione delle risorse idriche transfrontaliere.

 

GLI ITALIANI E L’ACQUA

La società di consulenza e ricerche di mercato, Ipsos, per conto di Finish ha realizzato un’indagine per conoscere la sensibilità degli italiani nei confronti dello spreco di acqua e la percezione che hanno del proprio consumo di questo bene.

È emerso che “per 2 italiani su 10 la scarsità di acqua è un problema attuale e soltanto il 3% ha una corretta percezione del proprio consumo familiare. Il 48% sottostima il proprio consumo personale e 1 italiano su 4 dichiara di prestare attenzione al proprio consumo di acqua.

Solo 2 italiani su 10 ritengono che la scarsità d’acqua sia un problema generalizzato, il 70% ritiene che sia legata alla stagionalità e interessi solo specifiche aree del Paese. Solo il 12% degli italiani si è definito preoccupato dei problemi ambientali legati all’acqua in un’ottica presente; i maggiori timori sono legati alla presenza di plastica nei mari e negli oceani, l’inquinamento dell’aria e la gestione dei rifiuti”.

Le cause di queste considerazioni derivano in gran parte dall’errata percezione dei reali consumi di una famiglia: si ritiene che in media una famiglia italiana consumi poco più di 100 litri di acqua al giorno, in realtà il consumo per uso civile di acqua in Italia è di 500 litri al giorno per famiglia.

La pandemia ha peggiorato le cose: solo 1 italiano su 4 si dichiara attento al consumo d’acqua nell’ultimo anno.

Relativamente all’età, lo studio riporta una minore sensibilità dei giovani tra i 14 e i 17 anni alle tematiche ambientali (86%, contro il 93% degli adulti) e un minore attivismo nei piccoli gesti quotidiani: il 66% prova a ridurre lo spreco d’acqua contro il 77% degli adulti; il 68% chiude il rubinetto quando non lo utilizza (adulti 73%), il 51% sa cha va utilizzata la lavastoviglie a pieno carico (adulti 44%), mentre solo il 14% non sciacqua a mano i piatti prima di riporli nella macchina.

Inoltre, se per il 68% degli italiani la tutela della risorsa idrica spetta a tutti i cittadini, il 58% riconosce che un ruolo importante sia da attribuire agli enti pubblici che si occupano della manutenzione delle tubature, il 54% ai Governi, che dovrebbero favorire comportamenti adeguati e punire quelli scorretti, e il 50% alle aziende, che sarebbero tenute a impegnarsi per migliorare i processi produttivi.

Quello che fa ben sperare, però, è che nonostante le abitudini scorrette, secondo l’Ipsos Global Advisor, il 51% degli italiani sarebbe disposto a modificarle in favore di comportamenti più sostenibili.

Sponsor

Articoli correlati

“Il valore dell’acqua”, al via il 22 Marzo la web conference dedicata alle risorse idriche

Redazione

Arriva “Gioca Utile”, il sito per conoscere il mondo dell’acqua

Redazione

Italiani sfiduciati ma continuano a fare nuovi progetti

Redazione

Lascia un commento