venerdì, 25 Giugno, 2021
Economia

Decreto Ristori 5, Alemanno INT – Confassociazioni scrive al Ministro dell’Economia Franco, occorre cambio di rotta

“Includere i professionisti e modificare modalità di calcolo e di assegnazione dei contributi a fondo perduto.”

Il Presidente dell’Istituto Nazionale Tributaristi (INT) e Vice Presidente vicario di Confassociazioni, Riccardo Alemanno, ha inviato una nota al Ministro dell’ Economia e delle Finanze, Daniele Franco, circa il prossimo Decreto sui necessari contributi a fondo perduto per le attività produttive (c.d. Ristori 5). Due le richieste-indicazioni contenute nella missiva, includere i professionisti e modificare le modalità di calcolo  ed assegnazione dei contributi a fondo perduto. Si legge infatti nella lettera di Alemanno: “…omissis… la presente al fine di evidenziare la necessità che nel prossimo Decreto sui contributi a fondo perduto per le attività produttive (c.d. Ristori 5), siano inclusi oltre alle imprese anche i professionisti siano essi iscritti alle casse private (ordini e collegi) o alla gestione separata Inps (ex lege 4/2013), al fine di dare un supporto a tutti coloro che lavorano e danno lavoro sul territorio nazionale, senza discriminazioni e dimenticanze.” ed ancora “…omissis… ribadisco, avendolo già indicato al Suo predecessore,  che è necessaria una modalità più equa, per il calcolo dei contributi a fondo perduto per imprese e professionisti, che non deve essere basata su rigide indicazioni di percentuali di perdita, ma sull’ applicazione di una percentuale sulle perdite effettivamente subite tra il 2019 ed il 2020, liberandosi e liberandoci dalla ‘sindrome’ del 33% o 50% e dei codici Ateco che hanno causato incomprensibili dimenticanze ed inaccettabili differenziazioni. La perdita effettiva di fatturato come base imponibile al fine di attribuire contributi maggiori a chi ha avuto perdite maggiori, senza però dimenticare nessuno ed evitando le discriminanti esclusioni di chi si trovasse al disotto, a volte anche di un nonnulla, delle rigide indicazioni del 33 o 50 per cento.”

L’auspicio è che il vertice del Ministero dell’Economia e tutto il nuovo Consiglio dei Ministri,  imprimano quel cambio di rotta necessario per dare maggiore equità ed incisività agli interventi a favore delle attività produttive.

Sponsor

Articoli correlati

Saldi invernali: perso già il 50% degli incassi, rischiano migliaia di attività

Redazione

ISA Indici sintetici di affidabilità fiscale, il decreto del MEF adotta per individuare le esclusioni gli stessi criteri dei ristori che tante discriminazioni hanno creato tra codici Ateco e percentuali rigide di perdita. Alemanno INT: sbagliare è umano perseverare nello sbaglio è inaccettabile.

Redazione

Tributaristi: il Comitato INT per la Riforma Fiscale presieduto da Giorgio Benvenuto annuncia i capisaldi su cui si baseranno le proposte di supporto al legislatore. Statuto del Contribuente – Semplificazione, chiarezza e stabilità normativa – Efficienza Giustizia tributaria

Redazione

Lascia un commento