mercoledì, 4 Agosto, 2021
Cultura

Online dal 15 febbraio “Study in action”, piattaforma e-learning per sviluppare e accrescere la cultura digitale

Confindustria Emilia ha deciso di lanciare “Study in action”, la piattaforma e-learning, online dal 15 febbraio con orizzonte triennale, per condividere contenuti formativi, percorsi di retraining delle figure professionali e per accompagnare imprese e lavoratori verso la trasformazione digitale. “Il nostro obiettivo- ha spiegato il presidente di Confindustria Emilia Valter Caiumi – è sviluppare e accrescere la cultura digitale contribuendo alla diffusione dell’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, favorendo l’innovazione e la crescita economica dei nostri territori. Questo è un progetto che nasce dalla consapevolezza che il nostro tessuto economico ha bisogno, sempre più, di un momento di formazione a 360 gradi: oggi apriamo un capitolo già nutrito e ricco di contenuti e lungimiranza che dovrebbe offrire alla comunità una crescita di competenze per poter eccellere a livello nazionale e internazionale”.

La nuova piattaforma non sarà però una sostituta della formazione in aula, “che anzi- ha sottolineato Caiumi- sarà integrata e beneficerà di questo nuovo modello”.

Anche il comune di Bologna ha condiviso l’obiettivo da raggiungere. “L’intesa- ha sottolineato Marco Lombardo, assessore al lavoro e alle attività produttive del Comune di Bologna, partner dell’iniziativa- è stata immediata perché la volontà è quella di dare accesso a più persone possibili alla formazione di competenze digitali, che rappresentano un elemento abilitante nella nostra competitività territoriale. La pandemia ha accelerato quel disallineamento, già riscontrato in precedenza, tra le competenze dei lavoratori e la richiesta delle aziende. Noi vogliamo promuovere la cultura del lavoro digitale e questo è uno degli strumenti, assieme a tanti altri, che stiamo utilizzando e utilizzeremo. Ma riteniamo importante anche ampliare l’accesso di questa piattaforma estendendola anche alle aziende non associate di tutta l’area metropolitana”.

Study in Action è quindi aperta a tutte le imprese con sede legale e/o sede operativa all’interno dell’area metropolitana di Bologna. Grazie alla convenzione con il Comune di Bologna anche i partecipanti al progetto “Insieme per il Lavoro” potranno accedere all’offerta formativa. I contenuti formativi della piattaforma sono articolati in 4 aree: Contenuti Generali, Retraining, Contenuti delle imprese e Language Hub. Nel triennio si prevedono quasi 300mila utenti: 72mila nel 2021, 84mila nel 2022 e 120mila nel 2023.

Sponsor

Articoli correlati

Didattica a distanza, Cittadinanzattiva: “Rischio deficit formativo”

Francesco Gentile

Lascia un commento