martedì, 26 Gennaio, 2021
Lavoro

Filiera moda e calzature: 100.000 lavoratori a rischio per la pandemia

Sponsor

Awelco

Lavoro e pandemia, i settori della moda e delle calzature sono due filiere a rischio, e vedono 100.000 lavoratori coinvolti. L’assessore al Lavoro della Regione del Veneto, Elena Donazzan, annuncia la convocazione dei tavoli “moda” e “calzaturiero” per affrontare in maniera ancor più incisiva la crisi in corso e le ricadute occupazionali. Una decisione presa dopo aver ricevuto questa mattina una lettera a firma del Presidente regionale di CNA, Matteo Ribon, che è anche coordinatore del Tavolo della Moda. “Nella lettera – spiega Donazzan –  si sottolinea la portata del comparto moda, uno fra i settori manifatturieri tra i più significativi per storia e competenze, che in Veneto conta 9.500 unità produttive pari al 17,6% del totale manifatturiero regionale e 7.626 unità della distribuzione. È certamente uno dei settori produttivi che stanno soffrendo tra le peggiori conseguenze della pandemia, della ridotta circolazione delle merci e delle persone, delle chiusure commerciali in Italia e all’estero.  Stiamo parlandi di un comparto che da solo, in Veneto, fattura 18 miliardi di euro ossia il 18% del fatturato nazionale, assorbe quasi 100 mila addetti ed esporta per un valore di oltre 9 miliardi di euro”. “La nota chiede l’apertura di un confronto mirato ed immediato con il comparto e anche specificatamente con il Distretto del Calzaturiero che negli ultimi anni aveva visto una crescita di occupati, oltre ad una trasformazione delle aziende con molta presenza di capitali stranieri – sottolinea l’Assessore -.   Richiama, inoltre, al ruolo del Tavolo Veneto della Moda, che già sta ben operando tra categorie, associazioni e istituzioni in percorsi sinergici.  Solo il distretto della calzatura si compone di una filiera di più di 500 imprese, che occupano almeno 10.000 persone e produce un fatturato di oltre 2 miliardi di euro equivalente al 62,5% del fatturato del sistema veneto e il 20,8% di quello nazionale”. “Condivido pienamente la richiesta della convocazione dei tavoli di moda e calzaturiero – conclude l’assessore al Lavoro -. Il mondo di questo artigianato, che rischia il contraccolpo più grave insieme al commercio, è rappresentato da circa 300 aziende terziste con migliaia di dipendenti, concentrate in gran parte nel perimetro della occupazione della Riviera del Brenta. Una perla del lavoro veneto che è uno dei fulcri su cui poggia il Made in Italy apprezzato nel mondo”.

Articoli correlati

Germania e Russia ai ferri corti. O no?

Andrea Strippoli Lanternini

Alienazione parentale, sos al Guardasigilli

Carmine Alboretti

Arrestare Salvini o no?

Carlo Pacella

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni