giovedì, 6 Maggio, 2021
Ambiente

Nasce la “Ricicletta”, la bici realizzata con 800 lattine riciclate

Si chiama “Ricicletta” ed è una bici molto particolare che rispetta l’ambiente, perché realizzata con 800 lattine riciclate, grazie a una collaborazione tra Estathè e il CIAL, Consorzio Nazionale Imballaggi Alluminio. La Ricicletta è esposta all’interno del Jova Beach Party, il villaggio che accompagna Jovanotti nel suo tour nei lidi d’Italia, che oggi fa tappa a Viareggio. L’alluminio è un materiale capace di mantenere inalterate le sue proprietà caratteristiche a prescindere dal numero di volte in cui viene riciclato.

Le lattine di Estathè per esempio possono essere continuamente riciclate e trasformate: 640 lattine possono dare vita a un cerchione d’automobile, 130 lattine a un monopattino, 37 a una caffettiera, tre a un paio di occhiali. Con le lattine di Estathè sono state realizzate tante Riciclette quanto sono le tappe del tour di Jovanotti.

Ogni Ricicletta è personalizzata con la data del singolo concerto e verrà donata al WWF, con l’obiettivo di raccogliere fondi per progetti di conservazione sul territorio italiano. “Con l’80% di riciclo di imballaggi in alluminio nell’ultimo anno il nostro Paese si conferma fra i migliori in Europa, grazie alla raccolta differenziata organizzata dai Comuni e alla partecipazione di milioni di cittadini italiani.

Lattine per bevande, scatolette e vaschette per alimenti, foglio sottile in alluminio, bombolette spray, tubetti, tappi e chiusure – riciclabili al 100% e all’infinito -, rinascono così, per dare vita a nuovi prodotti. La lattina in alluminio, in particolare, come quella distribuita al Jova Party da Estathè, è inoltre il contenitore per bevande più riciclato al mondo confermando così la vocazione green di un materiale tra i più ecocompatibili e in linea con i principi e i nuovi modelli di sviluppo dell’economia circolare”, afferma Stefano Stellini, responsabile relazioni esterne del CIAL.

“La Ricicletta non è solo una bicicletta. È un esempio di come sia possibile non disperdere risorse preziose riutilizzando al meglio quello che con troppa facilità e troppa superficialità viene considerato rifiuto”, dice Benedetta Flammini, direttore Marketing e Comunicazione del WWF. “Attraverso questa iniziativa resa possibile da Estathè e CIAL è possibile comunicare che dare nuova vita a quello che verrebbe buttato non solo è possibile ma è anche alla portata di tutti”.

All’interno del villaggio è presente anche il beach bar di Estathè, gonfiabile realizzato con materiali 100% riciclabili, dove la lattina in alluminio limited edition di Estathè dedicata al Jova Beach Party è venduta ai visitatori e servita in bicchieri di carta 100% compostabili. (Italpress)

Sponsor

Articoli correlati

Coronavirus, Wwf, legame tra pandemie e perdita di natura

Redazione

Il Wwf compie 60 anni e lancia l’allarme “Crolla la biodiversità”

Angelica Bianco

Disinfezione spiagge, per Wwf evitare scempi inutili

Redazione

Lascia un commento