giovedì, 29 Luglio, 2021
Economia

La stretta. Merletti (Confartigianato): Norme da rivedere, penalizzate imprese di servizi alla persona e quelle nei centri storici

“Troppe le difficoltà di molti imprenditori di servizi alla persona, come gli acconciatori e, nei casi consentiti, i centri estetici, nei rapporti con i propri clienti”. Raccogliendo le molte richieste il Presidente di Confartigianato, Giorgio Merletti si è rivolto al Ministro per lo Sviluppo economico Stefano Patuanelli. La Confartigianato chiede di chiarire alcuni aspetti interpretativi controversi del Dpcm dello scorso 3 novembre in merito agli spostamenti e alle attività d’impresa consentite nelle zone rosse e arancione. In particolare, in una lettera inviata al Ministro, il presidente Merletti segnala le difficoltà di molti imprenditori di servizi alla persona, come gli acconciatori e, nei casi consentiti, i centri estetici, nei rapporti con i propri clienti.

“Secondo il Dpcm del 3 novembre, infatti, lo spostamento al di fuori del proprio comune sarebbe permesso solo nel caso in cui nel proprio comune non sia presente un’impresa che eserciti l’attività cui ci si rivolge”, ricorda la Confartigianato che aggiunge: “Questa lettura restrittiva della norma”, osserva Merletti, impedirebbe agli imprenditori, “la normale prosecuzione dell’attività nei confronti di parti importanti della propria clientela ed una violazione della libertà di scelta da parte dei clienti stessi”. Il Presidente di Confartigianato confida in un’interpretazione della norma del decreto “che consenta la prosecuzione del normale svolgimento delle attività dei servizi alla persona, indipendentemente dalla sede delle attività stesse rispetto al domicilio del cliente, attività che sono svolte nel massimo rispetto dei Protocolli vigenti e sempre su appuntamento”.

Il Presidente Merletti segnala inoltre al Ministro dello Sviluppo economico “l’incomprensibile discriminazione” con cui, nel Dpcm del 3 novembre, si vieta l’attività dei centri estetici nelle zone rosse. “In questo modo”, sottolinea Merletti, “si penalizzano gravemente le imprese del settore che, sin dalla riapertura del 18 maggio, hanno applicato con la massima diligenza le linee guida approvate dalla Conferenza delle Regioni, intensificando le già rigide misure previste sul piano igienico-sanitario, e si sono riorganizzate per garantire la massima tutela degli imprenditori, dei loro collaboratori e dei clienti”.

Sponsor

Articoli correlati

Materie prime. Confartigianato: prezzi raddoppiati. Imprese in difficoltà

Francesco Gentile

Imprese femminili: troppe discriminazioni, servono aiuti e fondi. La Confederazione: banche ed Europa sostengano le donne

Angelica Bianco

Autotrasporto. Patto tra Confartigianato e la vice ministra Bellanova: sui problemi da risolvere impegno comune

Angelica Bianco

Lascia un commento