domenica, 29 Novembre, 2020
Attualità

La forza del messaggio di Francesco

Sponsor

Awelco

In un tempo, quello che stiamo vivendo, così pieno di incertezze, di problemi, di interrogativi, e così segnato dalla pandemia e dalle manipolazioni della realtà, l’Enciclica di Papa Francesco giunge come un soffio rigeneratore, che rianima e rinfranca quanti avvertono il peso degli egoismi, della violenza, della politica degenerata, delle ingiustizie e continuano a sperare e ad operare per un mondo migliore.

Dobbiamo tornare ad imparare che nessuno si salva da solo, ma insieme – questo, il messaggio di fondo dell’Enciclica- tanto più in una situazione dominata dalla globalizzazione e dalla interconnessione: occasioni sia per un autentica crescita civile e sociale, sia per una degenerazione ulteriore dei rapporti umani e di una fuga verso la disperazione.

Peccato che su tanti media un evento così denso di stimoli come la terza Enciclica di Francesco, che reca il significativo titolo “Fratelli Tutti”, sia stato posposto non solo alle notizie sulla pandemia, ma soprattutto alla fase contorta e oscura che sta vivendo da noi la politica, strumento essenziale per realizzare sviluppo, giustizia e partecipazione.

Certamente, è una notizia, ma minore, e non edificante, quella della deriva autodistruttiva del movimento cinque stelle.

Una deriva che parte proprio dalla presunzione di poter essere esterni ed estranei alle grande tradizioni politiche dell’Europa e quindi dal retroterra di idee, di pensiero, di storie sulle quali dovrà pur trovarsi la forza di costruire un nuovo soggetto politico che sappia cogliere l’esatta dimensione delle riflessioni e delle esortazioni di Papa Francesco.

Articoli correlati

Nuovi decreti e problemi irrisolti

Giampiero Catone

Il virus della corona? Una classe dirigente improbabile

Giuseppe Mazzei

Una possibile identità per i 5 stelle

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni