mercoledì, 28 Ottobre, 2020
Economia

Di Stefano: “Un patto per l’internazionalizzazione delle imprese, ma occorre innovare”

Sponsor

Il sottosegretario agli Esteri al webinar organizzato da Odcec Napoli Nord, Ungdcec e Aicec. Al Gergawi (Dubai Investment Development): per le imprese italiane supporto e nuove prospettive. Tuccillo (commercialisti): imprese guardino a nuovi mercati. Emirati Arabi strategici per la crescita. De Lise (Ungdcec) “All’estero cerchiamo opportunità di sviluppo per le aziende italiane”.

“Il governo è al lavoro per favorire l’internazionalizzazione delle imprese. Prima dell’emergenza Covid, abbiamo deciso di portare le competenze per l’internazionalizzazione in un unico ministero: questo oggi fa sì che la casa delle imprese italiane sia in un’unica struttura in grado di rispondere e deliberare in tempo quasi reale”. Lo ha detto Manlio Di Stefano, sottosegretario di Stato al ministero degli Affari Esteri, aprendo il forum on line “Il sostegno alle imprese per l’accesso ai mercati internazionali”, moderato dal giornalista Carlo Cerutti e promosso dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili Napoli Nord con l’Ungdcec (Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili) e l’Aicec (Associazione internazionalizzazione commercialisti ed esperti contabili).

“Il Patto per l’Export è frutto proprio di questa semplificazione e del dialogo avviato con le aziende – ha aggiunto Di Stefano -, che ha sancito un accordo che si articola in 6 pilastri: dalla comunicazione, con la creazione di una campagna per riabilitare l’immagine del nostro Paese nel mondo, alla formazione e informazione, dove svolgono un ruolo fondamentale gli intermediari come i dottori commercialisti. Abbiamo, inoltre, raddoppiato il fondo di finanza agevolato, esteso ai Paesi europei senza necessità di garanzie. Ora speriamo che tutti sappiano seguire il governo su questa strada, c’è bisogno che le imprese e anche i commercialisti sappiano innovarsi e stare al passo con i tempi”.

“Dubai è considerato il terzo hub più grande del mondo in termini di logistica. Ma il governo degli Emirati Arabi – ha evidenziato Fahad Al Gergawi, Ceo di Dubai Investment Development Agency – non ha intenzione di fermarsi, ci sono in atto politiche che mirano a un’ulteriore crescita, anche se ci avviamo verso una semi chiusura dell’economia mondiale. Il nostro obiettivo è quello di agevolare le imprese italiane, supportandole e creando nuove prospettive. Crediamo che investire negli Emirati Arabi sia una grande opportunità per chi arriva da parti diverse del mondo”.

Secondo Antonio Tuccillo, presidente dell’Odcec di Napoli Nord “in questo grave momento di difficoltà economica le imprese devono guardare all’estero e alla ricerca di nuovi mercati. Il Made in Italy ci viene invidiato in tutto il mondo, ci sono assolute eccellenze che devono necessariamente crescere. Per farlo, crediamo che il mercato degli Emirati Arabi sia il più indicato perché è un trampolino di lancio che può permettere alle imprese di raggiungere centinaia di milioni di persone”.

Giuseppe Buompane, vicepresidente della commissione Bilancio della Camera dei Deputati, dal canto suo ha osservato che “il Patto per l’Export è stato fortemente voluto dal ministro Di Maio. Purtroppo, con la pandemia tutto è cambiato, le imprese italiane hanno dovuto reagire alle nuove sfide e mi sembra che lo stiano facendo con grande energia. Serviranno investimenti, forza e determinazione: gli imprenditori, con il supporto della politica, hanno il dovere di guardare al futuro con fiducia”.

“Noi professionisti dobbiamo supportare le imprese che investono sui nuovi mercati soprattutto le piccole e piccolissime, che rappresentano il 97 per cento dell’ossatura economica. Gli Emirati Arabi – ha rimarcato Francesco Corbello, partner strategico di Dubai Fdi -, hanno una posizione strategica che rappresenta un ottimo punto di partenza. Food, moda, innovazioni: molti settori possono trovare uno sbocco in questo Paese”.

“La figura del commercialista si è evoluta nel tempo ed è cresciuta nelle competenze. Siamo consulenti di direzione aziendale e manager d’impresa – ha sottolineato Matteo De Lise, presidente Ungdcec.-, in grado di affiancare le Pmi interessate concretamente all’internazionalizzazione in maniera efficiente ed efficace. All’estero cerchiamo opportunità di sviluppo per le aziende italiane, e per riuscirci abbiamo deciso di costruire l’Unione Internazionale dei giovani dottori commercialisti. Vogliamo che il nostro ruolo non sia più marginale perché nessuno più di noi conosce le esigenze e le difficoltà degli imprenditori”.

Giovanni Parente, numero uno Aicec, ha detto: “Con questo webinar vogliamo rimarcare l’importanza dell’internazionalizzazione, dalla quale oggi è impossibile prescindere. Al governo chiediamo, come commercialisti, di partecipare ai tavoli tecnici sull’internazionalizzazione per il bagaglio di esperienza che abbiamo accumulato in questi anni a sostegno degli imprenditori”.

Per Nicola Lener, Ambasciatore d’Italia ad Abu Dhabi, “gli Emirati Arabi sono fondamentali per l’Italia: a fronte del nostro export negli Emirati, che è circa l’1 per cento di quello complessivo, il contributo al surplus commerciale è addirittura del 7 per cento. Adesso i dati andranno rivisti dopo la pandemia, per l’Italia sarà importante mantenere il posizionamento conquistato nel corso degli anni”.

Articoli correlati

Imprese, allarme per Deflazione e Insolvenza

Maurizio Piccinino

Pubblicata riforma della legge per aree di crisi industriale

Redazione

6 mln per lavoratori che rilevano aziende in crisi

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni