venerdì, 23 Ottobre, 2020
Politica

Saremo sempre più distanti, altro che distanziati: come sta cambiando il mondo

Sponsor

Stanno costruendo un mondo disumanizzato. E saremo sempre più distanti, altro che distanziati. Siamo tutti certi che sarà più sicuro e protetto, da cosa? Dal virus? Neanche.

Saremo solo e sempre più e ancora di più HOMO HOMINIS VIRUS. La paura di morire sta già rivedendo le nostre vite, ma non in maniera positiva, tutt’altro, in maniera negativa: ci si divora per il gusto di farlo, tanto domani è un altro giorno, se c’è. Basta vedere i nervi alle stelle nel traffico, c’è un peggioramento generale.

Avanzerà, più crudele di prima, l’imperativa legge dell’accumulo di Mazzarò ne ‘La Roba’ di Verga: lui ha costruito il proprio patrimonio con ogni fatica possibile, è consapevole della durezza di questo percorso, ed opera solo e soltanto in funzione del mantenimento e dell’incremento delle sue ricchezze. Ci aspettano rapporti tesi, angosciosi, al limite della mania, statene certi (mentre in tempi di guerra c’era più condivisione, ma c’era un’altra cultura).

Oggi per salvarci la pelle che ha un tempo determinato, perderemo ancora di più l’anima che ha il sapore di eterno e perderemo l’ultima goccia di tranquillità che ci era rimasta.

Ci sono rincari ovunque, e io che sono libero professionista non ho che una strada: rincarare a mia volta la prestazione. Se ce la faccio sopravviverò ancora per un po’, ma chi mi ha concesso l’aumento a sua volta mangerà su qualcun’altro per recuperare la perdita. Anche perché senza diminuzione delle tasse non esiste più risparmio né vera prospettiva di vita.

Il pollo offrirà il pollo accanto, fino a quando non si renderà conto di essere in gabbia anche lui e di finire mangiato tale e quale ai suoi simili. Lavoreremo di meno quanto a ore ci dicono, ma lavoreremo senza immaginare il futuro come accadeva ai nostri nonni. Come bestie, sole e fine a se stesse, ma a loro è permessa la procreazione.

Siamo prede di un sistema che non andava benissimo prima, ma che ora ha messo il turbo e ci passa sopra senza pietà. Infatti la pietà del nuovo mondo è riservata esclusivamente alle altre specie della Terra: l’Uomo è il cattivo e per lui non si deve provare alcuna compassione.
C’è una precisa ideologia dietro a tutto questo, una visione della Nuova Umanità da costruire. A me non piace e mi sono fatta la mia opinione.

Resisteranno solo i migliori? La qualità? Non lo credo affatto, resisteranno i signor sì, gli stomaci di ferro o di… e chi ha le risorse economiche, psicologiche e fisiche per farcela. Il resto è popolo all’ammasso, gente inutile da comprarsi con nuove forme di reddito di cittadinanza per il silenzio? Vedremo.
Detto questo dietro delle misure c’è sempre una visione. Inutile rifiutare il concetto che queste scelte, da prima del virus ad oggi, non siano frutto di una nuova ideologia che solo i tempi giudicheranno. Forse noi non ci saremo più, ma sarei molto curiosa di vedere lo schianto.

Tutto ciò che nella storia è stato disumano si è schiantato. La realtà vince sull’ideologia.

Articoli correlati

Bar e ristoranti, effetto domino sulla spesa alimentare. L’intera filiera del Made in Italy è ora a rischio

Angelica Bianco

Il Paese del “ma”

Giuseppe Mazzei

Nel post-Covid quasi 6 imprese su 10 con difficoltà di liquidità

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni