giovedì, 24 Settembre, 2020
Economia

Automotive tra crisi e ripresa. Luglio argina le perdite a meno 11. La Panda salva le immatricolazioni in Italia. Palma (Fiom): governo e imprese assenti, necessario salvaguardare produzione e lavoratori

Sponsor

Qualcosa si muove nel settore auto. Dopo i crolli di maggio e giugno con vendite dimezzate, una crisi definita epocale ed unica, il mercato dell’auto risale la china. A giugno – c’è quasi da festeggiare – le perdite sono state calcolate “solo” con un -11%, rispetto allo scorso anno. Quasi un record positivo secondo alcuni osservatori. Ora si sottolinea che: “gli sforzi fatti dalle Case automobilistiche e dalle loro Reti di vendita con allettanti offerte promozionali, hanno consentito al mercato di luglio di limitare la perdita ad un meno 11%”.

I dati sono stati diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, le immatricolazioni di luglio sono state 136.455 rispetto alle 153.335 del luglio 2019. Nei sette mesi cumulati, con 516 mila unità in meno, il crollo delle vendite è del del 42% (720.620 unità contro 1.236.520 di un anno fa). Una buona notizia, – nei limiti di quelle attuali – è il fatto che anche in tempi di crisi la Fiat Panda balza in alto con con 9.860 immatricolazioni è ancora  l’auto più venduta in Italia a luglio 2020. Inoltre c’è la novità dopo le versioni City Cross la Fiat Panda ibrida è anche Urban, nell’allestimento, quello più apprezzato dai clienti, c’è la Easy Hybrid. Il nuovo motore 3 cilindri con tecnologia Mild Hybrid Firefly da 70 CV è abbinato al sistema elettrico BSG (Belt integrated Starter Generator) da 3,6 kW e batteria al litio da 11 Ah. Insomma la Panda alza un po’ il morale all’Italia. Sul podio delle auto più vendute a luglio ci sono la Lancia Ypsilon con 3.638 immatricolazioni e la Fiat 500x con 3.589 unità vendute. Giusto per dare uno sguardo alle novità, le auto erettrice più vendute a luglio sono state la Smart ForTwo EQ che batte la Renault Zoe dal primo posto. Sale in alto sul podio della auto elettriche la nuova Opel Corsa-e.

Scenario totalmente diverso, invece, quello delle auto usate dove è ancora crisi profonda, a luglio si tocca il record negativo Il mercato registra una pesante contrazione del 27,8% con 273.622 trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture (379.028 a luglio 2019). Nel cumulato gennaio-luglio la flessione è del 38,6% con quasi 1 milione di unità perse (1.569.882 rispetto a 2.556.245).

Il mercato dell’auto, in generale per l’economia italiana, con i suoi alti e bassi è la spia di una situazione estremamente complessa. Il crollo delle vendite con la timida ripresa di luglio hanno portato in evidenza tutti gli altri aspetti problematici, come la complessa catena produttiva e dell’indotto. I sindacati sono in allarme. A dimostrarlo è la nota della Fiom-Cgil che sollecita imprese e governo a trarre le conseguenze di ritardi e nodi irrisolti. “La mancanza di un piano strategico per l’industria dell’automotive”, spiega Michele De Palma, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile automotive, “l’assenza di un confronto tra imprese, sindacati e Governo sulla transizione tecnologica, insieme alla riorganizzazione e ristrutturazione del settore in Europa, stanno mettendo a rischio il principale asset dell’industria metalmeccanica, i cui effetti sarebbero drammatici non solo per le aziende e i lavoratori della componentistica ma anche per tutte le maestranze che producono dalla siderurgia all’informatica.

Mentre Francia e Germania investono e vincolano le imprese a piani che tutelano l’occupazione, in Italia il confronto non è nemmeno partito”. Il problema è quello dei licenziamenti che vanno bloccati, ma se il trend risulterà ancora negativo bisognerà studiare altre soluzioni a tutela dei lavoratori.

“È necessario bloccare i licenziamenti e adeguare gli ammortizzatori sociali, investire nella formazione e nell’innovazione di prodotto necessari alla salvaguardia e all’implementazione dell’occupazione”, prosegue il segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile automotive, “L’Italia è ad un bivio: una strada è l’eutanasia, l’altra è una nuova vita per settore anche attraverso i fondi del Recovery Fund. Ci mobiliteremo”, conclude Michele De Palma, “perchè l’automotive è per l’Italia lo strumento per realizzare nuova occupazione giovanile e dare sostenibilità ecologica alla mobilità delle persone”.

Articoli correlati

L’Italia può vincere la battaglia in Europa. Ma serve concretezza

Giuseppe Mazzei

Denatalità, la politica batta un colpo

Giampiero Catone

Stati generali: Conte “Coltiviamo dialogo per un piano di rilancio condiviso”

Redazione

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni