lunedì, 21 Settembre, 2020
Attualità

Virus e operai. Confindustria: le fabbriche non sono stati i luoghi di diffusione del virus. Marchesini: fatta chiarezza contro sentimenti anti impresa

Sponsor

“Fabbriche e luoghi di lavoro non sono stati focolai di contagio”. A sottolinearlo – con soddisfazione e un filo di rivalsa – mostrando i dati dello studio Istat-Ministero della Salute è Confindustria, che sottolinea come ingiustamente i luoghi di lavoro e soprattutto le fabbriche siano stati indicati i luoghi dove il virus circolava di più. Lo studio realizzato da Istat-Ministero della Salute sulla sieroprevalenza è stato illustrato da Andrea Marini, Docente di Sociologia dei processi economici. I dati che per Confindustria fanno chiarezza sulle polemiche di marzo, quando l’apertura delle fabbriche era considerata tra i principali fattori di diffusione del contagio, mette fine a quella ipotesi.

Lo studio sulla sieroprevalenza dimostra che a fronte di una media nazionale del 2,5% di persone entrate in contatto con il virus, gli occupati in settori attivi durante la pandemia presentano valori analoghi (2,8%) rispetto ai comparti sospesi (2,7%).

Come emerge dall’analisi del professor Marini, pubblicata dal Sole24Ore: “La diffusione della pandemia ha obbligato le imprese, in vista della ripresa dopo la sospensione, a realizzare opere di sanificazione e di sicurezza sanitaria per poter consentire ai lavoratori di lavorare”, viene sottolineato, “una ricerca svolta sui lavoratori dipendenti in Italia durante il lockdown ad aprile (Community Research&Analysis per Federmeccanica) ha dimostrato come l’85,1% dei lavoratori dichiarasse un’attenzione al distanziamento, piuttosto che l’uso di mascherine e attività di sanificazione, fossero state realizzate all’interno di tutti i reparti e uffici. Quota che si elevava al 92,1% fra i metalmeccanici. L’86% dichiarava che le imprese avevano tenuto in debita considerazione le proposte dei lavoratori”. La notizia è subito rimbalzata nella sede di Confindustria e i commenti non si sono fatti attendere. A sintetizzare la posizione della Confederazione è il Vice Presidente per le Filiere e le Medie Imprese, Maurizio Marchesini.

“Questa ricerca”, sottolinea Marchesini, “rende giustizia al mondo delle imprese rispetto alle polemiche dei mesi scorsi, frutto di un forte sentimento anti impresa, gravissimo, che purtroppo si percepisce sempre di più e che non va a vantaggio del nostro paese”. Il Vice Presidente per le Filiere e le Medie Imprese, tocca anche un altro argomento, per fare chiarezza, ossia gli aiuti di Stato per l’emergenza sanitaria e per il blocco di alcuni settori produttivi. “Ora mi aspetterei un segnale di ripensamento e invece continuano pesanti critiche anche su altri fronti, come quello sulla Cassa Covid, in cui ci sono state affermazioni distorsive della realtà”, chiarisce Marchesini, “la Cassa non era legata ad uno stato di crisi ma a un’emergenza sanitaria, quindi sganciata da parametri e a carico dello Stato. Inoltre, il testo parla di settori e non di singole imprese, specificando che anche all’interno dei vari comparti queste ultime possono aver avuto un diverso andamento. Altro tema è il riferimento al fatturato che non rispecchia la situazione dell’azienda nel periodo preso in considerazione, perché può essere legato a ordini precedenti o all’esaurimento delle scorte. Per esempio, nella mia impresa, che produce macchinari per il confezionamento di farmaci e cosmetici, dall’ordine alla messa in produzione, fino alla fatturazione del bene, passano circa 8-12 mesi. Non è come nel commercio al dettaglio, dove vendita e incasso sono contestuali”, fa notare il Vice Presidente Marchesini.

“Se le imprese non ripartono non si crea occupazione e sviluppo. È ora di prenderne consapevolezza. La nostra speranza è di essere ascoltati dal governo e dalle forze politiche per poter recuperare, come paese, il crollo del Pil che stiamo subendo. Dovremmo remare tutti nella stessa direzione come abbiamo fatto in occasione del terremoto in Emilia Romagna in cui imprese, sindacati e Istituzioni hanno fatto fronte comune.”

“Inoltre”, prosegue Marchesini, “non dobbiamo limitarci a gestire l’emergenza ma ragionare su un progetto di sviluppo Paese in base alle direttrici europee: digitale, green economy, ricerca e innovazione, infrastrutture”. Il Vice Presidente per le Filiere e le Medie Imprese, nel concludere la sua riflessione sottolinea come il futuro deve essere costruito con scelte di politica industriale credibili con riforme coraggiose e incentivi per l’innovazione.

“Servono scelte di politica industriale”, conclude Marchesini, “per dare impulso agli investimenti. A partire da Industria 4.0 a cui andrebbero applicati sin da subito gli stessi meccanismi di cessione e bancabilità di eco bonus e sisma bonus, che avrebbero effetti immediati e non comporterebbero oneri aggiuntivi”.

Articoli correlati

Trincea Italia, guerra contro il virus

Giovanni Gregori

Il Controcanto: Una lacrima sul virus

Michele Rutigliano

Economia, la crescita zero spaventa

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni