martedì, 28 Settembre, 2021
Società

Pubblica amministrazione, nel 2021 più pensionati che dipendenti

Entro il 2021 la PA italiana potrebbe avere più pensionati che dipendenti, per il continuo calo del personale e un equilibrio fra ingressi e uscite che, nonostante lo sblocco del turnover, non è ancora stato raggiunto. A fronte di 3,2 milioni di impiegati pubblici italiani (in termini assoluti il 59% in meno di quelli francesi, il 65% di quelli inglese, il 70% di quelli tedeschi) i pensionati pubblici sono già 3 milioni.

E’ quanto evidenzia la ricerca sul lavoro pubblico presentata oggi in apertura di “Forum pa 2020 – Resilienza digitale”, la manifestazione dedicata ai temi dell’innovazione e della trasformazione digitale come risposta alla crisi, organizzata da FPA, società del Gruppo Digital360, che si apre oggi fino all’11 luglio in un’edizione totalmente online. Un numero in crescita costante e destinato a salire perché i “pensionabili” oggi sono molti: 540mila dipendenti hanno già compiuto 62 anni di età (il 16,9% del totale), mentre 198mila hanno maturato 38 anni di anzianità.

La pensione anticipata è stata parzialmente accelerata da Quota 100, nel 2019 sono uscite anticipatamente dalla PA 90 mila persone, ma è comunque prassi comune: il 57,7% dei pensionati pubblici attuali ha optato per il ritiro anticipato, solo il 13,7% per raggiunti limiti di età (mentre questa percentuale è il 20% nel privato e il 28% negli autonomi). (Italpress)

Sponsor

Articoli correlati

L’autocertificazione come paradigma della semplificazione amministrativa

Claudio Vinci

Toscana, nasce nuovo data-center regionale per pubblica amministrazione e sanità

Redazione

Come e quando si tradisce la nostra Costituzione? Non facile scoprirlo

Domenico Turano

Lascia un commento