sabato, 22 Giugno, 2024
Sanità

Policlinico Gemelli. Presentato nuova dispositivo per riconoscere le ‘paratiroidi’

Congresso Eses sugli studi e ricerche in materie endocrinologiche

Brillano nel buio come lucciole. Sono le “paratiroidi”, quattro minuscole ghiandole endocrine “nascoste” all’interno della tiroide e fondamentali per il metabolismo del calcio. Proprio a causa della loro minuscola struttura, se durante un intervento vengono danneggiate le conseguenze per il paziente non sarebbero poche. Ma ora si potranno riconoscere e proteggere grazie ad un innovativo “device”, un nuovo dispositivo elettronico portato al centro dell’attenzione al decimo Congresso Eses, l’appuntamento biennale dedicato a studi e ricerche in materie endocrinologiche, organizzato al Policlinico Gemelli. Un passo importante per la prevenzione delle paratiroidi. Perché – si legge in una nota del nosocomio cattolico -, se durante un intervento di asportazione della tiroide vengono accidentalmente asportate o danneggiate, “il paziente deve seguire una terapia sostitutiva a vita a base di calcio e vitamina D. Assunzione che si si va a sommarsi alla terapia giornaliera con L-tiroxina, in caso della tiroidectomia totale”.

Chirurgia della tiroide

Marco Raffaelli, ordinario di Chirurgia Generale all’Università Cattolica del Sacro Cuore e direttore della Uoc di Chirurgia Endocrina e Metabolica del Gemelli spiega che “nella chirurgia della tiroide, come in altri campi è imperativo ridurre al minimo le complicanze; ecco perché la ricerca di strumentazioni in grado di preservare l’integrità dei nervi laringei e delle paratiroidi è molto attiva. Per quanto riguarda le paratiroidi, abbiamo presentato per la prima volta in Europa un nuovo device, il PTeye®, dotato di una sonda sterile monouso che rileva l’autofluorescenza naturale delle paratiroidi, che ci consentirà di individuarle con maggior facilità e precisione. È una cosa straordinaria per noi chirurghi perché rappresenta un vero avanzamento verso una sicurezza sempre maggiore degli interventi di tiroidectomia”.

Le paratiroidi autofluorescenti

Le paratiroidi sono quattro piccole ghiandole endocrine fondamentali per il mantenimento dei giusti livelli di calcio nel sangue. Se la tiroide ha la forma di una grossa farfalla, le paratiroidi sono ghiandoline, grandi come una lenticchia, che brillano di una debole autofluorescenza, quasi come lucciole. “Si trovano vicinissime, a volte letteralmente ‘immerse’ nella tiroide – aggiunge il professor Raffaelli – con la quale condividono anche la vascolarizzazione; per questo può essere difficile individuarle e preservarle. Questo nuovo strumento ci consentirà invece di individuarle con grande accuratezza, offrendo al chirurgo, ma soprattutto al paziente, un grande vantaggio rispetto al rischio di una loro rimozione o traumatismo accidentale”.

Chirurgia robotica

Anche l’intelligenza artificiale sta entrando sempre più nella routine dell’endocrinochirurgia. “Si tratta di una risorsa dall’uso sempre più consolidato nella diagnostica citologica. La novità in questo campo – specifica ancora Raffaelli – è rappresentata dall’applicazione dell’intelligenza artificiale alla chirurgia robotica. Attraverso il sequenziamento delle varie fasi dell’intervento chirurgico, effettuato con le piattaforme robotiche, stiamo lavorando, insieme all’Università di Strasburgo, alla messa a punto della cosiddetta ‘ontologia’ dell’intervento. Cioè alla precisa definizione degli step dell’intervento chirurgico, che poi appositi software delle piattaforme robotiche potranno andare a sviluppare per guidare in modo sempre più preciso il robot nell’assistere il chirurgo durante l’intervento. Questo è molto importante anche per il teaching, la supervisione e la formazione dei giovani chirurghi”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Napolitano, politico equilibrato e garante delle istituzioni

Giampiero Catone

Processo penale e diritto europeo

Federico Tedeschini

Fisco, catasto e pensioni. Settimana difficile per il Governo

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.