domenica, 26 Maggio, 2024
Turismo

Turismo nei borghi, un contributo al Pil Italiano di 5 miliardi di euro nel 2022

“Cinque miliardi di euro di contributo al Pil Italiano nel 2022 e una spesa complessiva di 13,8 miliardi grazie al turismo indotto”. Questi sono alcuni dei numeri dei 360 ‘Borghi più belli d’Italia’ secondo lo studio di Deloitte “L’impatto economico e occupazionale del turismo e la digitalizzazione nei Borghi più belli d’Italia”, presentato lo scorso mercoledì all’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani e commissionata dall’associazione I Borghi più belli d’Italia, che dal 2002 opera per valorizzare i piccoli centri abitati che esprimono un’eccellenza del nostro Paese e della sua bellezza. “Valorizzare il potenziale dei borghi italiani significa non solo preservare il nostro patrimonio storico, paesaggistico, artistico e culturale, ma anche contribuire ad una crescita sostenibile e inclusiva del sistema Paese. Adottando misure che favoriscano la digitalizzazione dei nostri borghi e ne contrastino lo spopolamento, si può generare valore condiviso con il territorio in termini economici, occupazionali e sociali”, ha commentato Marco Vulpiani, responsabile dell’area Valuation, Modeling & Economic Advisory di Deloitte.

4,6 miliardi di spesa diretta e 9 miliardi di spesa indiretta

Secondo l’analisi di Deloitte, nel 2022 i visitatori complessivi dei Borghi sono stati oltre 8,8 milioni, per un totale di circa 21,5 milioni di pernottamenti. Circa il 37% di questi visitatori sono internazionali, mentre il 32% sono visitatori giornalieri. La spesa diretta in Italia derivante dalle presenze turistiche indotte dai Borghi è quantificata in circa 4,6 miliardi di euro. A fronte di tale spesa diretta, si stimano oltre 9 miliardi di euro di ulteriore spesa indiretta e indotta, per un totale di circa 13,8 miliardi di euro di spesa complessiva generata in Italia. Inoltre, i dati mostrano che il turismo indotto dai Borghi ha sostenuto circa 91.400 occupati in Italia, con un importante effetto positivo sulle entrate fiscali a livello nazionale, pari a più di 2,3 miliardi di euro, di cui circa 1 miliardo di euro di Iva. I settori maggiormente impattati dal contributo al Pil sono alloggio e ristorazione, commercio e trasporti, beneficiando del 60% dell’impatto totale. In totale si stima che l’impatto economico generato dal turismo indotto dai Borghi nel 2022 sia equivalente a circa lo 0,3% del Pil italiano.

Le zone più impattate dalla presenza dei Borghi

Le località inserite nella lista Borghi più belli d’Italia sono 360 e si trovano per lo più nelle regioni del Centro Italia: Marche (31 borghi), Umbria (31) e Toscana (29) occupano le prime 3 posizioni della classifica. La distribuzione per aree territoriali dei Borghi più belli d’Italia, dunque, segnala una presenza particolarmente concentrata nel Centro (32,2%). Trentino-Alto Adige, Toscana, Liguria, Marche e Lombardia, invece, sono le regioni che hanno ricevuto più visitatori; considerando l’impatto economico generato dal turismo indotto dai Borghi nel 2022 come percentuale del Pil, si stima che questo sia maggiore al Centro e al Nord-est. In particolare, le aree in cui il contributo economico come percentuale del Pil risulta maggiore sono il Centro e Nord-est, con circa lo 0,4% del Pil, seguite dalle Isole, con oltre lo 0,3% del Pil.

I Borghi: un tesoro a rischio spopolamento

A fronte dell’impatto economico e sociale evidenziato, i borghi sono però caratterizzati da un accentuato fenomeno di spopolamento, molto maggiore rispetto alla media dei comuni italiani. In particolare, i comuni presenti nella lista dei Borghi più belli d’Italia, secondo l’Istat, presentano una popolazione media pari a circa la metà di quella dei comuni italiani nel complesso. Nel periodo 2011-2021 si è registrata una riduzione media della popolazione residente nei Borghi pari al -4,2%, a fronte di una riduzione della popolazione residente a livello nazionale pari a 0,7% nello stesso periodo. Si prevede che tale fenomeno si accentuerà nel periodo 2020-2030, con una variazione del -4,4% nei Borghi e pari a -2,8% in media sul complesso dei comuni italiani. Così la popolazione residente nei Borghi più belli d’Italia nel 2030 sarà pari a circa 1.285.000 persone. Tuttavia, un dato molto incoraggiante che emerge dall’analisi è quello della crescita del numero di lavoratori che soggiornano nei borghi in modalità smart working dopo la pandemia. Infatti, secondo una ricerca di Svimez, il 41,5% dei lavoratori sarebbe disposto a trasferirsi in un luogo più isolato a contatto con la natura ed il 34,5% in un piccolo centro abitato.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Analisi Confcommercio. Alimentari, prezzi in crescita. Si risveglia il turismo

Leonzia Gaina

Santanchè “Sempre più turisti in montagna, segno di destagionalizzazione”

Redazione

Gruppo Valtur, Alessandro Arborio Mella nuovo direttore Risorse umane

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.