martedì, 26 Maggio, 2020
News Italpress

Coronavirus, Osservatorio Partecipate: “Liquidità e finanza innovativa”

Sponsor

ROMA (ITALPRESS) – "Serve una visione strategica sugli strumenti per aiutare le imprese, perche' l'emergenza Covid-19 rischia di colpire gravemente la loro attuale tenuta e di minarne il futuro. Garantendo liquidita' e delineando le azioni di tutela attraverso fondi, anche privati, di sostegno infondiamo ottimismo negli imprenditori. Occorre attivare subito strumenti non convenzionali basati sull'ingegneria finanziaria per riavviare progetti imprenditoriali, ridisegnare modelli di business e riorganizzare le filiere". E' la proposta di Ivo Allegro, membro del Comitato tecnico scientifico dell'Osservatorio italiano sulle partecipate pubbliche, Consigliere di Giunta Assoconsult e amministratore delegato di Iniziativa, societa' di consulenza leader nei settori corporate finance, fondi strutturali Ue e gestione di asset per pubbliche amministrazioni locali e territoriali. Secondo Allegro "tutto cio' e' necessario per alleviare la sofferenza in molti settori, tra i quali ristorazione, commercio, tessile, arredamento, turismo, edilizia, che da soli valgono oltre il 30% del PIL. Il corto circuito tra domanda e offerta puo' generare un circolo vizioso pericoloso e incidere su occupazione e competitivita'". "Le imprese – prosegue – sono l'unica leva di sostenibilita' nel medio termine delle misure lanciate in questa prima fase dal Governo. Oltre agli interventi per supportare i flussi di cassa delle imprese con i macro-interventi del 'Cura Italia', vanno pero' creati strumenti di rafforzamento, anche a livello regionale, per consentire la declinazione sulle filiere di specializzazione dei diversi territori". Per evitare la disoccupazione e sostenere il reddito, spiega Allegro, "dobbiamo puntare su cassa integrazione, decontribuzione dello smart working, riqualificazione del personale e sulla certezza dei pagamenti alle filiere di fornitura. Oggi, con il fine mese, si avra' una 'Waterloo dei pagamenti' per le imprese con seri rischi di innescare le condizioni per un default a catena". "Per far ripartire poi le aziende – sottolinea – si dovra' puntare su Fondi per la ricapitalizzazione e su garanzie pubbliche per indebitamenti a lunghissimo termine finanziati dal risparmio privato, sulla contribuzione a fondo perduto, sul 'Sale & Lease back' immobiliare per permettere la monetizzazione degli asset fisici delle imprese, su strumenti per rendere sicuri i pagamenti tra le imprese compromesse dalle insolvenze. Delineare subito una visione strategica e' vitale per evitare il 'si salvi chi puo'' e un diffuso 'gettare la spugna' da parte delle nostre imprese. Questo – conclude Allegro – e' essenziale affinche' non si passi dall'epidemia alla carestia". (ITALPRESS). abr/com 01-Apr-20 13:44

Lascia un commento

Questo sito web utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Se continui ad utilizzare il sito ne assumiamo che tu sia concorde. Accetta Maggiori Informazioni