mercoledì, 29 Maggio, 2024
Ambiente

Neve: migliora la situazione sulle Alpi, -29% il deficit

Le nevicate degli ultimi giorni hanno ridotto il deficit dello Snow Water Equivalent nazionale (SWE), l’acqua contenuta nella neve, che fornisce un indicatore dell’acqua disponibile per i mesi primaverili ed estivi. La situazione è migliorata soprattutto sulle Alpi, mentre il deficit rimane marcato sugli Appennini. Il mese di marzo si è aperto con la pioggia e alle altitudini maggiori con la neve. Dopo mesi nei quali il monitoraggio di Fondazione CIMA rilevava un grave deficit di neve o, più precisamente, dell’acqua contenuta nella neve, questa appare senza dubbio come una buona notizia dal punto di vista della risorsa idrica. Ora l’obiettivo della Fondazione è poter affermare di “aver scongiurato la siccità per i mesi primaverili ed estivi”, basandosi sui dati raccolti e analizzati in questi giorni.

A livello nazionale e locale

A metà febbraio, Fondazione CIMA ha definito la situazione italiana in peggioramento rispetto alla fine del 2023 e l’inizio del 2024, con un deficit di SWE del -64%. Oggi, invece, si stima un deficit del -29%: una ripresa decisamente significativa, ma che indica pur sempre un certo deficit rispetto all’ultimo decennio. Questo per quanto riguarda la situazione a livello nazionale. A livello locale, però, il quadro è più variegato: le condizioni migliori sono quelle dell’arco alpino, dove il deficit è del -21%, e peggiori per gli Appennini, dove il deficit è del -78% (il valore è riferito all’Abruzzo, che rappresenta un indice per l’area dell’Appennino centrale). La situazione relativamente buona delle Alpi può essere ricondotta alle abbondanti precipitazioni che a febbraio hanno interessato il Nord della penisola. È rimasto invece più “all’asciutto” il centro-sud, da cui la copertura nivale pressoché nulla sugli Appennini, tranne che alle quote più alte.

Situazione sicuramente più positiva

“È una situazione sicuramente più positiva rispetto a quella degli scorsi mesi e anche rispetto allo scorso anno e ha portato un miglioramento anche per i fiumi alpini. Per il Po, la riserva idrica nivale più importante d’Italia, il deficit è oggi del -11%, nell’ordine di quella che può essere una normale variabilità interannuale a questo punto della stagione” commenta Francesco Avanzi, ricercatore di Fondazione CIMA, aggiungendo che il deficit “seppur ancora presente, è meno marcato alle quote più elevate, quelle dalle quali proviene la “scorta” d’acqua durante la primavera e l’estate. Questa situazione positiva va però letta avendo bene in mente un’importante considerazione e cioè che febbraio è stato, sì, un mese molto piovoso. Ma è stato anche un mese molto caldo” continua Avanzi. Infatti, spiega il ricercatore “l’inverno 2023-2024 ha registrato importanti anomalie termiche, che nel Nord Italia hanno toccato punte di anche +3,5°C rispetto all’ultima decina d’anni. Questo implica che la neve che è riuscita ad accumularsi potrebbe poi essere soggetta a una fusione precoce”.

Cosa aspettarsi per i prossimi mesi

Su come evolverà la situazione, Avanzi afferma: “In realtà, con l’avvicinarsi della primavera si entra in un periodo di transizione nel quale è possibile si verifichino nuove nevicate, a partire già da questo secondo fine settimana di marzo. Storicamente, in Italia, il picco dell’accumulo di neve si verifica a metà marzo. A questi ultimi periodi di nevicate si accavallano però i periodi di fusione. Le stime si fanno quindi più complicate: è necessario continuare a monitorare attentamente la situazione, anche perché sappiamo che quello della siccità è un fenomeno lento a svilupparsi nel tempo e le condizioni locali non sono sempre rappresentative del resto del Paese”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Aumenta il deficit di neve in tutta Italia. Cali anche del 64%

Paolo Fruncillo

Legambiente, il 2022 anno disastroso per i ghiacciai alpini

Marco Santarelli

Arriva il grande caldo, da Nord a Sud sempre vivo pericolo siccità

Giulia Catone

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.