lunedì, 15 Aprile, 2024
Società

Ogni giorno 29mila bambini diventano profughi

Lo studio di Save the Children: "50 milioni nel mondo"

Mentre il conflitto in Ucraina si avvicina al suo terzo anno, Save the Children, l’organizzazione internazionale impegnata da oltre un secolo nella protezione dei bambini a rischio, ha lanciato una nuova elaborazione di dati che mette in luce una realtà sconcertante: ogni giorno circa 29mila bambini sono costretti ad abbandonare le proprie case nei 10 peggiori scenari di crisi mondiali. Questo dato ha portato il numero totale di bambini sfollati nel 2023 a oltre 10,5 milioni, più del doppio rispetto ai circa 20,6 milioni del 2010, raggiungendo un record storico di oltre 50 milioni. Secondo Save the Children, questo aumento vertiginoso è il risultato di una serie di fattori, tra cui i cambiamenti climatici, le alluvioni, le siccità e, in primo piano, i conflitti armati. Il continente africano ospita il maggior numero assoluto di bambini sfollati, mentre il Medio Oriente, già prima del conflitto in corso a Gaza, aveva la percentuale più alta di bambini coinvolti, pari a uno su tre. Tra le principali aree di crisi identificate dall’organizzazione ci sono Afghanistan, Etiopia, Myanmar, Repubblica Democratica del Congo, Somalia, Sud Sudan, Sudan, Territori palestinesi occupati, Turchia/Siria (terremoto), e ovviamente l’Ucraina che ha vissuto una rapida escalation del conflitto nel febbraio 2022, generando la più grande crisi di sfollamento in Europa dalla Seconda guerra mondiale. Tuttavia, nonostante alcune migliaia di bambini sfollati siano riusciti a fare ritorno alle proprie case, più di 630 mila di loro si trovano ora a vivere in condizioni estreme, affrontando pericoli, distruzione e povertà.

Le difficoltà

Secondo le Nazioni Unite, i bambini rappresentano circa il 40% delle persone costrette ad abbandonare le proprie case nel mondo. Molte di queste giovani vite sono prive di accesso all’istruzione, al cibo, all’assistenza sanitaria e sono a rischio di abusi e violenze. Le difficoltà economiche che affrontano possono anche esporli a rischi ancora maggiori, come il coinvolgimento in attività criminali, il lavoro minorile, lo sfruttamento sessuale o l’adesione a gruppi armati. “Le statistiche sono schiaccianti, ma un bambino sfollato non è solo un numero”, sottolinea Daniela Fatarella, Direttrice generale di Save the Children. “È un bambino che molto probabilmente ha assistito a violenze e distruzioni che nessun bambino dovrebbe mai vedere, prima di doversi separare da tutto ciò che conosce. Quando i bambini perdono le loro case, perdono quasi tutto ciò che è importante per loro: accesso all’assistenza sanitaria, all’istruzione, al cibo e alla sicurezza. Queste sono cose che non possono portare con sé. Ecco perché vogliamo porre a tutti una semplice domanda: cosa salveresti se dovessi fuggire dalla tua casa?”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

La concretezza del buon Governo. Draghi ridà dignità alla politica e accelera la fine del populismo

Giuseppe Mazzei

Le bombe di Natale

Giuseppe Mazzei

La parata in Zar minore segno di debolezza interna

Giuseppe Mazzei

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.