lunedì, 15 Aprile, 2024
Regioni

Maratea2026, Rocco Papaleo testimonial e Angelina Mango ambasciatrice

POTENZA (ITALPRESS) – Il Comune di Maratea, per l'iniziativa, di durata annuale, "Maratea Capitale Italiana della Cultura 2026", ha deciso di attribuire il titolo di Ambasciatrice della stessa ad Angelina Mango, vincitrice del Festival di Sanremo 2024, a Pierpaolo Petrelli, noto personaggio televisivo, e a Biagio Maimone, affermato giornalista e scrittore, il riconoscimento di celebrità impegnate nell'arricchimento culturale della città, fonte del suo prestigio. Rocco Papaleo sarà insignito del ruolo di testimonial di tale straordinaria iniziativa. Maratea è tra le dieci finaliste nella corsa per il titolo e attende, per il prossimo 29 marzo, il responso del Ministero della Cultura. L'Amministrazione Comunale ha organizzato un tour di presentazione della candidatura, che il 5 febbraio ha fatto tappa a Milano, che il 19 febbraio è stato a Roma nel Monumento dell'Ara Pacis e, giovedì 29 febbraio, si concluderà nella città di Potenza. "Essere qui a Roma, caput mundi, culla delle civiltà mondiali, per noi ha un significato particolare" ha affermato il Sindaco di Maratea Daniele Stoppelli, il quale ha aggiunto: "La storia di Maratea testimonia un senso di accoglienza senza paragoni, che si è espressa per trenta secoli. E' stata, infatti, luogo di accoglienza dei naviganti del Mediterraneo che venivano a comprare il grano. Nei fondali del nostro mare abbiamo ancora le loro ancore. Sulle coste di Maratea sono approdati i monaci basiliani per evangelizzare le aree interne, di cui i cenobi sono viva attestazione. Abbiamo continuato ad essere un punto di notevole riferimento anche nel periodo dell'iconoclastia. Maratea è stata anche una città politeista, come denota il tempio di Minerva e di Venere, nonché una strada intitolata a Castore e Polluce, dei a cui si attribuiva il potere di proteggere i naviganti. La ricchezza culturale e variegata del nostro passato è stata la leva che ha consentito alla nostra amministrazione di proporre la candidatura di Maratea a 'Capitale Italiana della Cultura 2026', sulla scorta anche del nostro preciso intento di progettare e realizzare, sulle fondamenta della 'bellezza' paesaggistica e culturale, la nostra crescita e il nostro sviluppo, sempre l nel rispetto della natura". La Basilicata, o più precisamente Maratea, diventa, in seguito alla vittoria di Angelina Mango, anche "Capitale Italiana della Musica". Il Sindaco Daniele Stoppelli sottolinea anche l'impegno artistico di Pierpaolo Petrelli e del giornalista, scrittore e poeta,originario di Maratea, Biagio Maimone. Maratea ed il Sud vincono dunque! Vincono per i loro valori, vincono perché vince il processo di crescita e di evoluzione verso una nuova forma di cultura della vita, che fa propria la centralità della natura e del valore ineludibile dell'ecosistema, rimarcando, nel contempo, la centralità dell'essere umano. Una nuova cultura della vita viene incarnata, pertanto, dall'incanto bucolico di un territorio meridionale, qual è la Basilicata, a cui appartiene Maratea, che aspira a diventare "Capitale Italiana della Cultura 2026". Il Sindaco di Maratea Daniele Stoppelli ha affermato: "Sono molto felice della vittoria di Angelina Mango al 74° Festival della Canzone Italiana di Sanremo. Angelina è nata a Maratea, in cui non risiede, ma in cui spesso torna a trascorrere le sue vacanze. Un concerto che Angelina ha tenuto al porto di Maratea, nel 2022, ha visto un afflusso di pubblico davvero sbalorditivo, che già anticipava il suo meritato successo. Artista completa ed energica, con la sua interpretazione della canzone 'La rondine' , di cui è autore il padre, Pino Mango, icona indimenticabile della musica italiana, ha colpito al cuore milioni di italiani. Sicuramente la vedremo ancora essere protagonista inimitabile anche nel prossimo futuro. Maratea avrà il piacere e l'onore di conferirle il titolo di ambasciatrice dell'iniziativa 'Maratea Capitale Italiana della Cultura 2026'". "Sono altrettanto entusiasta dell'affermazione di altri due illustri cittadini di Maratea: Pierpaolo Pretelli e Biagio Maimone. Pretelli ha svolto il ruolo di inviato a Sanremo de 'La Vita in diretta', mentre Maimone che è, nel contempo, giornalista, poeta e scrittore, è prossimo alla pubblicazione di un testo sulla comunicazione, candidato ai più prestigiosi premi letterari. Mi piace affermare che esistono i presupposti di buon auspicio per il riconoscimento di Maratea 'Capitale Italiana della Cultura 2026'. Maratea appartiene ad un Sud ricco di cultura e di tradizioni, che i suoi cittadini, in modo encomiabile, sono fieri di rappresentare" conclude. – Foto: Agenzia Fotogramma – (ITALPRESS). pc/com 22-Feb-24 08:41

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Piemonte, Cirio “Turismo può essere il nostro futuro”

Redazione

Efebo d’Oro, 14 film in gara a Palermo

Redazione

Palermo, tre giorni di visita ufficiale dell’ambasciatore lituano

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.