giovedì, 25 Luglio, 2024
Esteri

L’Argentina volta pagina: chi è Javier Milei, il nuovo presidente del Paese

I suoi fan lo chiamano “il pazzo” o “la parrucca” a causa della sua ferocia e dei suoi capelli indisciplinati. Lui parla di sé stesso come “il leone”. Ritiene che l’educazione sessuale sia un complotto marxista per distruggere la famiglia, vede i suoi mastini come i propri “bambini a quattro zampe” e ha avanzato la possibilità che alle persone venga permesso di vendere i propri organi vitali. Parliamo di Javier Milei, il nuovo presidente dell’Argentina. Qualche anno fa, Milei era un personaggio televisivo molto amato perché le sue invettive contro la spesa pubblica e la classe politica dominante facevano aumentare gli ascolti. All’epoca, e fino a pochi mesi fa, quasi nessun esperto politico credeva che avesse una reale possibilità di diventare Presidente della seconda economia del Sud America. Ma Milei, un economista di 53 anni, ha scosso l’establishment politico argentino e si è inserito in quello che è stato a lungo un sistema effettivamente bipartitico. Lo ha fatto raccogliendo un’ondata di sostegno con le sue proposte drastiche per frenare l’impennata dell’inflazione e promettendo di fare una crociata contro l’insinuarsi del socialismo nella società. Al centro del suo piano economico per l’Argentina c’è la proposta di sostituire la valuta locale, il peso, con il dollaro statunitense. Ha ripetutamente affermato che l’unico modo per porre fine alla piaga dell’inflazione che ha superato il 140%, è impedire ai politici di continuare a stampare denaro. Pertanto, intende estinguere la Banca Centrale. Autodefinitosi “anarco-capitalista”, il libertarismo di Milei rappresenta una novità per l’Argentina. Si è espresso a favore di un allentamento delle leggi sul lavoro del paese e ha promosso la visione di un governo nettamente più piccolo per stimolare la crescita economica. Ciò comporta l’eliminazione della metà dei ministeri del governo, compresi quelli della sanità e dell’istruzione.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Prezzi e consumi. Confcommercio: la ripresa è a rischio. Guerra, materie prime e inflazione peseranno sul Pil

Gianmarco Catone

“Più concorrenza, meno tasse e non toccare le pensioni”

Francesco Gentile

Gli italiani risparmiano senza rinunciare a qualità e sostenibilità

Paolo Fruncillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.