giovedì, 25 Luglio, 2024
Attualità

Greenpeace sul Trattato globale plastica: “I negoziati a Nairobi finiscono nella frustrazione”

La terza sessione del Comitato Negoziale Intergovernativo (INC3) per un Trattato globale sulla plastica si conclude con una nota deludente per la lotta contro la crisi climatica e della plastica. “La plastica danneggia direttamente ciascuno degli 8,1 miliardi di abitanti di questo fragile pianeta, ma i nostri leader hanno scelto, nei fatti, di considerare le aziende petrolchimiche come gli unici portatori d’interesse degni di ascolto”, dichiara Graham Forbes, capo delegazione di Greenpeace ai negoziati che si sono tenuti nella sede del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente a Nairobi, dal 13 al 19 novembre. “Se vogliamo proteggere il nostro clima, la nostra biodiversità e la nostra salute, dobbiamo ridurre la produzione di plastica almeno del 75% entro il 2040: questo è indiscutibile, ma oltre la metà del tempo a disposizione per i negoziati è già trascorsa e stiamo procedendo verso il fallimento. I governi stanno permettendo agli interessi legati ai combustibili fossili di guidare i negoziati verso un trattato che, senza alcun dubbio, aggraverà la crisi climatica e accelererà un cambiamento climatico incontrollato”.

Obiettivo sopravvivenza

“Dobbiamo trovare una soluzione senza consentire ai produttori di petrolio e gas di dettare i termini della nostra sopravvivenza”, prosegue Forbes. “Abbiamo un anno per invertire questa tendenza e assicurarci di celebrare il nostro successo collettivo, anziché condannarci a un futuro oscuro e pericoloso. Questo fallimento deve essere un campanello d’allarme per i governi che rappresentano miliardi di persone colpite dall’inquinamento da plastica in tutto il mondo. Quando i negoziati riprenderanno in Canada ad aprile 2024, i nostri leader dovranno essere pronti a dimostrare un livello di coraggio e leadership che non abbiamo ancora visto”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Anbi, Bf e Consorzio C.E.R insieme per ottimizzare l’irrigazione

Cristina Gambini

Dai ricercatori di Enea un nuovo processo che consente di riconvertire la plastica recuperata in mare

Francesco Gentile

Green City Accord, le città paladine dell’ambiente

Rosaria Vincelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.