sabato, 15 Giugno, 2024
Esteri

Summit Apec oscurata da Xi e Biden, ma decisi molti progetti

I 21 paesi del Pacifico chiedono di riformare l’Organizzazione mondiale del commercio

Oscurata dall’incontro tra Xi Jinping e Joe Biden il summit Apec che si è tenuto a San Francisco ha comunque prodotto una dichiarazione condivisa da tutti i paesi partecipanti, in 16 punti chiave. Il vertice si è concluso con un impegno a riformare l’Organizzazione mondiale del commercio (Omc) e migliorare l’integrazione economica nella regione. Nella dichiarazione congiunta finale, in cui non viene fatta menzione della situazione in Ucraina e Medio Oriente perché sono emerse forti divergenze tra i partecipanti (il tema è contenuto però nella relazione del presidente), si legge che “per garantire il ruolo vitale dell’Omc” occorre una “riforma necessaria per migliorare tutte le sue funzioni, in modo che i Paesi membri possano affrontare le sfide commerciali globali esistenti ed emergenti”.

Pioniere globale della crescita

L’impegno è quello di permettere alla regione Asia-Pacifico di diventare “pioniere globale della crescita.” E’ stato stabilito di utilizzare i progressi tecnologici e economici per rispondere alle sfide ambientali e climatiche. “Qui a San Francisco – si legge nella Dichiarazione – abbiamo sottolineato che politiche efficaci richiedono, soprattutto, reattività verso tutte le nostre persone e tutte le nostre economie. Questo impegno ha radicato la nostra visione e il nostro lavoro pratico a San Francisco e durante gli incontri annuali degli Stati Uniti a Honolulu, Palm Springs, Detroit e Seattle.

Libero commercio

All’Apec prendono parte 21 paesi dell’area del Pacifico, compreso Canada, Giappone, Cina, Russia e Stati Uniti. L’idea di incoraggiare relazioni paritetiche più strette fra le economie dell’Asia Pacifica risale agli anni sessanta, quando fu formulata la proposta di istituire la Organization of Asian Economic Cooperation (OAEC, ovvero Organizzazione per la Cooperazione Economica Asiatica) che poi si concretizzò alla fine del secolo scorso. Il percorso disegnato per il futuro è quello “di creare ambienti commerciali e di investimento liberi, aperti, equi, non discriminatori, trasparenti, inclusivi e prevedibili.” “Riaffermiamo – scrivono i paesi Apec -anche l’importanza del sistema commerciale multilaterale bastato sulle regole e incentrato sull’Organizzazione Mondiale del Commercio, che è favorevole a continuare a promuovere la rapida crescita della regione. Sottolineiamo di impegnarci nel portare avanti l’integrazione economica della regione alimentata dal mercato, inclusa la promozione dell’agenda della Zona di libero commercio dell’Asia-Pacifico.” Questo con l’obiettivo di creare “un futuro sostenibile e resiliente per tutti.”

L’impegno degli Usa

La dichiarazione è stata rilasciata insieme a una dichiarazione del presidente, che riflette le discussioni dei leader sull’aggressione russa in Ucraina e su altre questioni geopolitiche. Al centro del summit 2023 le attività degli Stati Uniti che a partire dal 2022, hanno destinato oltre il 60 per cento delle esportazioni verso il Pacifico. L’Invest in America Event ha evidenziato che sono stati investiti oltre 50 miliardi di dollari da parte di aziende statunitensi nelle economie Apec nell’anno in corso. Apec Connect ha promosso l’importanza della partecipazione americana impiegando 1.200 volontari multilingue e incontrato oltre 5.000 aziende.

I tanti progetti in corso

Tra le iniziative più importanti sono stati lanciati progetti per aiutare le comunità costiere dell’Asia-Pacifico a sviluppare le loro capacità di adattamento per riprendersi dopo eventi climatici avversi. Il Dipartimento dell’Agricoltura Usa ha offerto un intervento per la sicurezza alimentare. Nel settore automotive si punta a veicoli a emissione zero. Mentre per la parità di genere Apec Catalyst Pitch ha assegnato più di 50.000 dollari in risorse per le startup a cinque donne imprenditrici. I membri dell’Apec hanno lavorato per aumentare la capacità di integrare le soluzioni di salute digitale e di telemedicina. Le economie dell’Apec hanno anche approvato le Linee Guida sui servizi legati alla logistica che supportano il movimento di beni essenziali durante un’emergenza sanitaria pubblica. Infine è stata promossa la cooperazione educativa transfrontaliera introducendo le scuole come Community Hub Framework.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

L’ambiguità di Xi sulla guerra e i rischi sul futuro della Cina

Joseph DeTrani*

Il Cacao del Camerun favorito dal cambiamento climatico

Chiara Catone

Netanyahu sotto pressione. Parenti degli ostaggi irrompono nella Knesset 

Maurizio Piccinino

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.