sabato, 15 Giugno, 2024
Esteri

La cannabis potrebbe essere collegata a problemi cardiaci

Poiché sempre più persone la usano, prove crescenti stanno suggerendo che la marijuana potrebbe essere collegata ad alcuni problemi cardiaci. Quello che non è chiaro è se i rischi cardiaci derivino dal fumo di marijuana o se è il THC presente nell’erba che potrebbe essere dannoso. Secondo i dati del National Survey on Drug Use and Health circa 1 persona su 5 di età superiore ai 12 anni hanno utilizzato marijuana nell’ultimo anno. Poiché sempre più Stati legalizzano l’uso ricreativo, la cannabis è la droga più popolare negli Stati Uniti. Per il fatto che venga considerata non dannosa, un recente sondaggio del Pew Research ha rilevato che 9 americani su 10 credono che la marijuana dovrebbe essere legale sia per uso medicinale che ricreativo. Tuttavia, studi recenti hanno trovato collegamenti tra l’uso di marijuana e problemi cardiovascolari, inclusi ritmi cardiaci anormali e persino attacchi di cuore. Sebbene alcuni risultati siano contraddittori (alcuni riscontrano un rischio di insufficienza cardiaca, altri no) e non si possono trarre conclusioni definitive sul rischio della marijuana per il cuore, i ricercatori affermano che i segnali non dovrebbero essere ignorati. All’inizio di questo mese, l’American Heart Association ha presentato i risultati preliminari di due studi nei quali hanno scoperto che l’uso di marijuana era collegato a un rischio maggiore sia di infarto che di insufficienza cardiaca. I risultati del primo studio, che ha esaminato persone con un’età media di 54 anni, hanno rilevato un aumento del 34% del rischio di insufficienza cardiaca nelle persone che usavano marijuana quotidianamente rispetto a quelle che non l’avevano mai usata.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Movimento Italiano Genitori lancia app contro uso stupefacenti tra i minori

Valerio Servillo

La Thailandia vuole vietare di nuovo la cannabis dopo due anni dalla depenalizzazione

Stefano Ghionni

Giurato si addormenta durante il processo a Hunter Biden

Stefano Ghionni

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.