lunedì, 27 Settembre, 2021
Società

Diocesi Bologna, messa e Rosario in streaming

Non ci sono solo lo smart working o la didattica on line. Anche la Chiesa ricorre alle nuove tecnologie per non lasciare da soli i fedeli. Così in una nota il cardinale Matteo Maria Zuppi, arcivescovo di Bologna, annuncia che domenica 8 marzo, alle 10.30, celebrerà la Santa Messa senza fedeli e in forma riservata alla Casa del Clero. Chi vorrà seguire la celebrazione potrà sintonizzarsi sul canale E’Tv- Rete7, ascoltarla su Radio Nettuno oppure collegarsi sul sito della diocesi e la pagina Facebook di 12Porte. Inoltre, Zuppi ha indetto una Novena di preghiera con la recita del Rosario a partire da domenica 8 marzo alle ore 19 e fino a martedì 17.

“Maria è la Chiesa madre che non cessa di pregare per i suoi figli. Tutti e sempre – scrive l’arcivescovo Zuppi in un messaggio alla diocesi che verrà pubblicato su Bologna Sette e diffuso attraverso il sito della Chiesa di Bologna e il settimanale televisivo 12Porte -. Indi’co una Novena per chiedere alla Madonna di San Luca di intercedere per la protezione delle nostre città e paesi dal male. Per nove giorni vi invito a recitare il Santo Rosario ovunque vi troviate, uniti tutti spiritualmente a Lei e tra di noi, unanimi nella preghiera come gli Apostoli con Maria nel giorno di Pentecoste. Chi può, alle ore 19 collegandosi in streaming, si unisca con noi alla preghiera che reciterò davanti ad un’immagine della Madonna di San Luca”.

Tutte le mattine dei giorni feriali sarà possibile seguire in streaming sul sito della diocesi, sul canale di YouTube e la pagina Facebook di 12Porte, la Messa celebrata alle ore 7.30 dall’Arcivescovo.

Inoltre, sono stati annullati gli appuntamenti previsti, fra cui la convocazione diocesana dei Cresimandi e dei loro genitori in calendario per domenica 15 marzo. (Italpress)

Sponsor

Articoli correlati

A Palazzo Albergati di Bologna riaperta la mostra “Monet e gli Impressionisti”

Redazione

La nostra Chiesa ci conforta: state sereni, se potete

Raffaele Bonanni

Ius culturae meglio dello ius soli

Carmine Alboretti

Lascia un commento