domenica, 25 Febbraio, 2024
Esteri

Polizia e manifestanti filo-palestinesi si scontrano nel quartier generale democratico a Washington

Una manifestazione filo-palestinese a Washington si è conclusa con scontri e arresti nella serata di mercoledì. La polizia del Campidoglio degli Stati Uniti ha stimato il numero dei manifestanti in circa 150. La maggior parte di loro stava protestando violentemente nella zona, lanciando oggetti contro le forze dell’ordine e danneggiando proprietà pubbliche. La polizia ha risposto con gas lacrimogeni e proiettili di gomma per disperdere la folla. Sei agenti sono stati curati per le ferite riportate a seguito della manifestazione. Una persona è stata arrestata e accusata di aggressione a un agente. Numerosi deputati erano presenti nella sede del DNC quando è scoppiata la protesta. I tre principali leader democratici della Camera erano tutti all’interno del quartier generale quando sono iniziate le proteste all’esterno. Il leader della minoranza, Hakeem Jeffries, la “frusta” Katherine Clark e il presidente del Caucus, Pete Aguilar, erano nell’edificio con altri democratici per il ricevimento in occasione della settimana dei candidati del Democratic Congressional Campaign Committee (DCCC).

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Lavoratori di tutto il mondo radunati per il Primo Maggio. La Francia si raduna per le proteste

Federico Tremarco

Presunta frode Medicaid, arrestato psichiatra dell’Arkansas

Paolo Fruncillo

Schwarzenegger e Brown: cosa possono insegnare a Washington due ex governatori della California

Valerio Servillo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.