domenica, 21 Aprile, 2024
Attualità

Piantedosi: “Vigili del Fuoco, un Corpo solido e amato dalla gente”

Un momento emozionante quello di ieri all’interno delle Scuole centrali antincendi di Capannelle a Roma, dove alla presenza tra gli altri del Premier Giorgia Meloni e del Ministro dell’Interno Matteo Piantedosi hanno giurato fedeltà alla Repubblica 623 allievi Vigili del Fuoco. L’occasione giusta per riconoscere l’importanza di questa istituzione nella protezione dei cittadini italiani. E la partecipazione del Primo Ministro, che ha indossato un casco rosso da caposquadra donatole dal Corpo, ha sottolineato l’importanza dell’evento e il riconoscimento del ruolo cruciale dei Vigili del Fuoco nella sicurezza pubblica.

Struttura amata dalla gente

Il titolare del Viminale ha definito il corpo dei Vigili del Fuoco “una grande e amata struttura dello Stato, un solido presidio di certezza per i cittadini e per i Vigili, che parla di una storia fatta di eroismo, di valori, di dedizione, di passione civile, di professionalità, di specializzazione in un settore delicato dell’intervento pubblico come quello della prevenzione e del soccorso alla popolazione”. “Questo momento particolarmente significativo”, ha poi continuato, “è la conclusione di un lungo percorso fatto di impegno, di studio e di sacrifici, l’ingresso formale degli Allievi del 94esimo corso in quella che, come ho già detto in più occasioni, mi piace definire la grande famiglia dei Vigili del Fuoco”. L’evento di Capannelle è stata anche l’occasione, per Piantedosi, di fare il punto sulle assunzioni straordinarie, in diverse qualifiche, per più di 1.100 unità e sia stato incrementato, a regime, l’organico per 550 unità: “Stiamo parlando di numeri importanti che permetteranno di rendere ancora più performante la macchina dei soccorsi”. Ha poi tenuto a sottolineare di come sia in fase avanzata la definizione di un progetto che, con i fondi del Pnrr, consentirà al Corpo un ampio rinnovo del proprio parco mezzi.

Un milione di interventi nel 2022

Nel corso della cerimonia è intervenuto anche il Capo del dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso pubblico e della Difesa civile, Laura Lega, che ha descritto il “nobile mestiere” che quotidianamente portano a compimento, “soccorrendo chi è in pericolo, sfidando posti dove nessuno andrebbe, come nel fuoco, sotto le macerie dei terremoti o il fango delle alluvioni”. Dal punto di vista numerico, Lega ha ricordato che sono 36mila gli uomini in servizio e in più anche 7mila volontari. Nel 2022 sono stati invece quasi un milione gli interventi effettuati”.

Diplomi di pubblica benemerenza

Da segnalare infine, da parte di Meloni e Piantedosi, la consegna ai Vigili del Fuoco dei diplomi di pubblica benemerenza e delle medaglie, importante riconoscimento per il loro straordinario impegno e coraggio nelle situazioni di emergenza. Premiati i Vigili del Fuoco di Milano per il loro intervento nell’incendio presso la Rsa ‘Casa dei Coniugi’ avvenuto lo scorso 7 luglio, e i Vigili del Fuoco di Venezia in risposta al tragico incidente del pullman a Mestre.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Sicurezza sul lavoro. Il robot non è un risk manager

Domenico Della Porta

Il vice segretario di stato americano Wendy Sherman ha visitato Kiev

Renato Caputo

Cingolani: rigassificatori subito. Descalzi: l’Algeria sostituisce la Russia

Cristina Calzecchi Onesti

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.