domenica, 25 Febbraio, 2024
Economia

Crisi, Cacciola (Ond): “Tempi certi e riduzione dei costi per le procedure di sovraindebitamento”

Carpentieri (Cscefi): “Stipendiati e pensionati categorie più a rischio”. Cantalamessa (Lega): “Legge 3 ottimo punto di partenza ma ascoltiamo i tecnici per renderla più efficiente”

“È fondamentale apportare alcune modifiche ai requisiti di accesso alla legge sul sovraindebitamento prevedendo criteri oggettivi e certi in particolar modo per ciò che riguarda le tempistiche e l’onerosità della procedura. Chiediamo la previsione di un termine di 120 giorni entro i quali il gestore deve svolgere la propria attività e la possibilità di ottenere subito il blocco delle procedure esecutive al momento della presentazione dell’istanza, senza attendere l’omologa del tribunale. Si tratta di due modifiche che permetterebbero a tutti coloro che subiscono pignoramenti di evitare di perdere la casa all’asta rimanendo con il debito”. Queste le parole di Francesco Cacciola, Presidente dell’Osservatorio sul debito con banche e finanziarie.

“Abbiamo due obiettivi prioritari: difendere il bene per eccellenza degli italiani, vale a dire la casa, ed evitare il pignoramento degli stipendi. Solo così – evidenzia Elvira Carpentieri, presidente del Centro studi sulla crisi economica delle famiglie italiane – potremo davvero aiutare le famiglie a superare un periodo difficilissimo, tra inflazione, aumento dei tassi d’interesse e dei mutui e impennata dei costi energetici e dei beni di prima necessità. Le categorie più a rischio sono sicuramente gli stipendiati e i pensionati che si trovano a dover sostenere, oltre al mutuo, anche prestiti con finanziarie avendo impegnato il quinto dello stipendio. Dobbiamo rendere sostenibili i loro debiti”.

A raccogliere le istanze formulate, Gianluca Cantalamessa, capogruppo della Lega in Commissione industria, commercio, turismo e agricoltura a Palazzo Madama:  “Lo Stato deve fare la sua parte per essere vicino a tutte le persone che si trovano in difficoltà economica per aiutarle a venir fuori dalla crisi. La legge n.3 sul sovraindebitamento è un ottimo punto di partenza ma, parlando con gli esperti del settore, ci sono state segnalate alcune criticità e strozzature. Su questo interverremo per dare una mano, sempre nel rispetto dei creditori, ma soprattutto cercando di salvare le case di tante persone che le hanno costruite con anni di sacrifici”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Moretta (commercialisti): La “class action” è uno strumento efficace di tutela

Redazione

Lavoro, la sfida si vince puntando su formazione e aiuti alle imprese

Redazione

Bce: L’inflazione rischia di risalire

Marco Santarelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.