giovedì, 22 Febbraio, 2024
Esteri

Bambino di due anni del Nevada visita una sorgente termale e muore a causa di un’ameba mangia-cervello

Un bambino di 2 anni del Nevada è morto questa settimana a causa di un’infezione da Naegleria fowleri, nota anche come ameba che mangia il cervello. Lo hanno confermato funzionari sanitari statali e la madre. La Divisione della salute pubblica e comportamentale del Nevada ha dichiarato che i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno confermato che Naegleria fowleri è la causa della malattia del bambino. Il ragazzo, della contea di Lincoln, appena a nord della zona di Las Vegas, potrebbe essere stato esposto ad Ash Springs, una sorgente termale naturale della contea. I funzionari della sanità statale non hanno identificato pubblicamente il bambino né hanno risposto immediatamente alla richiesta del suo nome. Sua madre, Briana Bundy, ha detto che suo figlio di 2 anni, Woodrow Turner Bundy, è morto mercoledì dopo aver combattuto per sette giorni contro l’infezione. “Lui è il mio eroe e sarò per sempre grato a Dio per avermi dato il bambino più buono sulla terra – ha scritto sui social la madre – e sono grato di sapere che un giorno avrò quel bambino in paradiso”. Woodrow amava gli animali, le galline, i conigli, le mucche e soprattutto le alci, e si divertiva a rincorrere le sue sorelle per casa. “La vita di Woodrow è stata una testimonianza di come dovremmo vivere tutti – si legge nel necrologio – Ha fatto tutto in modo aggressivo. Amava tanto, a volte troppo. Trovò gioia e meraviglia in tutte le creazioni e bellezze di Dio. Amava la vita e amava la sua famiglia con ogni grammo della sua anima”. La Naegleria fowleri è una microscopica ameba vivente unicellulare che si trova naturalmente nell’ambiente. Vive nel suolo e nelle calde acque dolci come laghi, fiumi e sorgenti e può infettare le persone entrando nel corpo attraverso il naso e viaggiando fino al cervello. Secondo la dichiarazione della Nevada Division of Public and Behavioral Health, può causare una “rara infezione molto grave del cervello chiamata meningoencefalite amebica primaria (PAM)” che “distrugge il tessuto cerebrale ed è quasi sempre fatale”. secondo il CDC, quattro delle 157 persone infette negli Stati Uniti dal 1962 sono sopravvissute,. A febbraio, un uomo in Florida è morto a causa dell’ameba che potrebbe aver contratto dopo essersi sciacquato i seni nasali con l’acqua del rubinetto. L’anno scorso, ci sono stati tre casi confermati di Naegleria fowleri verificatisi dopo l’esposizione all’acqua dolce in Iowa, Nebraska e Arizona. Tre casi sono stati segnalati anche ogni anno nel 2019, 2020 e 2021. I sintomi dell’infezione includono forte mal di testa, febbre, nausea, vomito e torcicollo e possono iniziare da 1 a 12 giorni dopo l’esposizione. La malattia progredisce rapidamente dopo l’inizio dei sintomi e i pazienti di solito muoiono entro 18 giorni o meno.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Federfarma: “le mascherine non arrivano alle farmacie”

Redazione

Riflessioni sul Coronavirus

Giampiero Catone

Politici e soldi. Maledetti soldi

Carlo Pacella

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.