domenica, 3 Marzo, 2024
Esteri

Il giudice nel Wyoming blocca la prima messa al bando della pillola abortiva nello Stato

Le pillole abortive rimarranno legali nel Wyoming. Almeno per ora. Un giudice ha stabilito che la prima legge dello stato a vietarle non entrerà in vigore il 1° luglio come previsto. Per il giudice della contea di Teton, Melissa Owens, gli avvocati del Wyoming non sono riusciti a dimostrare che il divieto non avrebbe danneggiato i querelanti. Mentre altri stati hanno istituito divieti de facto sui farmaci vietando ampiamente l’aborto, solo il Wyoming ha specificamente vietato le pillole abortive. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito ad aprile che l’accesso a una delle due pillole, il mifepristone, può continuare mentre le parti in causa cercano di annullare l’approvazione da parte della Food and Drug Administration. Il divieto delle pillole nel Wyoming è stato contestato da quattro donne, tra cui due ostetriche, e due organizzazioni senza scopo di lucro. Uno dei gruppi, Wellspring Health Access, ha aperto come prima clinica per aborti a servizio completo dello stato da anni ad aprile a seguito di un incendio doloso nel 2022. Stanno anche facendo causa per fermare un divieto quasi totale di aborto emanato nel Wyoming a marzo. Owens ha sospeso anche quella legge e ha unito le due cause legali. “Poiché l’aborto rimane legale nel Wyoming, vietare le pillole abortive richiederebbe invece alle donne di ottenere aborti chirurgici più invasivi – ha dichiarato Owens Marci Bramlet, un avvocato per gli oppositori – Il divieto dice efficacemente alle persone che devi sottoporti a un intervento chirurgico a cuore aperto quando uno stent andrebbe bene”. Anche un emendamento costituzionale statale emanato nel 2012 è entrato in gioco nelle argomentazioni giudiziarie. L’emendamento approvato in risposta all’Affordable Care Act, la legge sull’assistenza sanitaria dell’ex presidente Barack Obama, afferma che i residenti del Wyoming hanno il diritto di prendere le proprie decisioni in materia di assistenza sanitaria. Le nuove leggi sull’aborto del Wyoming consentono eccezioni per salvare vite umane e per i casi di stupro o incesto denunciati alla polizia. Ma l’aborto per altri motivi non è assistenza sanitaria ai sensi dell’emendamento – ha sostenuto Jay Jerde, un avvocato dello stato – Non è ripristinare il corpo di una donna dal dolore, lesioni o malattie fisiche. Sono coinvolti i servizi medici, ma ottenere un aborto per motivi diversi dall’assistenza sanitaria non può essere una decisione medica”.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Sicurezza alimentare, Confcommercio: “Bene modifiche approvate dalla Ue sugli imballaggi”

Cristina Gambini

Nel Lazio la prima legge nazionale per disciplinare tatuatori e piercer

Redazione

Coldiretti: cibo sintetico, la Fao–Oms valuta i rischi. Nostra battaglia a tutela di sicurezza e salute

Ettore Di Bartolomeo

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.