venerdì, 19 Aprile, 2024
Esteri

Morto a 89 anni Cormac McCarthy, scrittore vincitore del Pulitzer noto per “The Road”

Cormac McCarthy, stilista di prosa e autore vincitore del Premio Pulitzer che ha scandagliato le profondità della violenza e della vendetta in romanzi come “Blood Meridian”, “Non è un paese per vecchi” e “The Road”, è morto per caise naturali martedì nella sua casa di Santa Fe, Nuovo Messico. Aveva 89 anni. La morte di McCarthy è stata annunciata in una dichiarazione dal suo editore, Penguin Random House. Con un linguaggio che andava dal brutalmente austero al vertiginosamente complesso, McCarthy raccontava storie del lato oscuro dell’umanità sullo sfondo vivido del West americano e degli Appalachi. Ha scritto tutti i suoi romanzi su una macchina da scrivere Olivetti Underwood Lettera 32. “Cormac McCarthy ha cambiato il corso della letteratura – ha dichiarato in una Nihar Malaviya, CEO di Penguin Random House – Per sessant’anni ha dimostrato una dedizione incrollabile alla sua arte e all’esplorazione delle infinite possibilità e del potere della parola scritta – ha aggiunto – Milioni di lettori in tutto il mondo hanno abbracciato i suoi personaggi, i suoi temi mitici e le intime verità emotive che ha messo a nudo in ogni pagina, in romanzi brillanti che rimarranno attuali e senza tempo, per le generazioni a venire”. McCarthy ha vinto alcuni dei massimi riconoscimenti della letteratura moderna, tra cui il Premio Pulitzer per la narrativa, per la cupa saga post-apocalittica “The Road”, così come il National Book Award e il National Book Critics Circle Award. Il critico letterario James Wood, scrivendo sul New Yorker nel 2005, ha definito McCarthy uno “scrittore colossalmente dotato” e lo ha descritto come “uno dei grandi dilettanti della prosa americana, che si diletta nel produrre una retorica istrionica che ventriloquizza brillantemente la Bibbia di Re Giacomo , tragedia shakespeariana e giacobina, Melville, Conrad e Faulkner”. McCarthy era notoriamente contrario a rilasciare interviste e parlava pubblicamente solo in rare occasioni. In un’intervista del 1992 con il New York Times, ha suggerito che il suo mestiere professionale fosse solo una delle sue passioni trainanti nella vita, dicendo in parte: “Di tutti gli argomenti che mi interessano, sarebbe estremamente difficile trovarne uno che non lo sia. La scrittura è molto, molto in fondo alla lista”. Charles Joseph McCarthy Jr. era nato il 20 luglio 1933 a Providence, Rhode Island. Cresciuto a Knoxville, nel Tennessee, frequentò brevemente l’Università del Tennessee, dove iniziò ad armeggiare con la narrativa breve. Ha pubblicato il suo romanzo d’esordio, “The Orchard Keeper”, nel 1965 alla Random House, dove ha coltivato una profonda relazione con l’editore Albert Erskine che si è protratta per i successivi due decenni, secondo Penguin. Lo stile e le preoccupazioni tematiche di McCarthy attingevano da influenze disparate, che vanno dall’inquietante prosa gotica meridionale di William Faulkner alla complessità lirica di James Joyce e all’intensità fuoco e zolfo della Scrittura. Ha sviluppato un seguito di culto con opere come “Outer Dark” (1968), “Child of God” (1973) e “Blood Meridian” (1985). “Blood Meridian”, un’epopea terribilmente violenta che ruota attorno a cacciatori di taglie assetati di sangue, è considerato da alcuni critici il suo coronamento. Ha raggiunto un pubblico più ampio con un trio di libri noti come la “trilogia del confine”: “All the Pretty Horses” (1992), “The Crossing” (1994) e “Cities of the Plain” (1998). Due romanzi pubblicati negli anni 2000 – “Non è un paese per vecchi” e “La strada” – hanno ottenuto ampi consensi e hanno trovato il favore di Hollywood. “No Country” è stato adattato in un agghiacciante thriller premio Oscar diretto da Joel ed Ethan Coen; “The Road” ha ottenuto il trattamento sul grande schermo con Viggo Mortensen nel ruolo principale. McCarthy ha pubblicato i suoi ultimi due romanzi nel 2022: “The Passenger” e “Stella Maris”, narrazioni interconnesse che hanno affrontato moralità, scienza e fede. Il romanziere è stato sposato tre volte e ha avuto due figli.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Mattarella: “La violenza sulle donne è il fallimento della società”

Stefano Ghionni

Bernie Sanders si lancia nelle affollate primarie democratiche del Rhode Island per un posto lasciato vacante al Congresso

Paolo Fruncillo

Calcio: Fgic “Previste penalizzazioni in caso di violenza sugli arbitri”

Cristina Gambini

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.