martedì, 28 Maggio, 2024
Esteri

La Pixar Animation di Walt Disney licenzia 7.000 persone tra cui il regista e la produttrice di “Lightyear”, flop al botteghino

I Pixar Animation Studios di Walt Disney hanno eliminato 75 posizioni nel proprio organico, comprese quelle di due dirigenti. A monte, la delusione al botteghino del film “Lightyear”. Sono i primi significativi tagli di posti di lavoro nello studio in un decennio. A perdere il lavoro anche il regista di “Lightyear” Angus MacLane, un animatore di 26 anni che faceva parte del team creativo senior di film acclamati come “Toy Story 4” e “Coco” e Galyn Susman, produttrice di “Lightyear” che lavorava alla Pixar dall’uscita del film originale “Toy Story” nel 1995. Licenziato anche Michael Agulnek, vicepresidente della pubblicità mondiale Pixar dal 2015. I tagli fanno parte di un piano, precedentemente annunciato dall’amministratore delegato di Walt Disney Bob Iger, per l’eliminazione di 7.000 posti di lavoro e ridurre i costi di 5,5 miliardi di dollari. La ristrutturazione ha unito i gruppi cinematografici e televisivi in un’unica unità Disney Entertainment ed ha eliminato una divisione incaricata della distribuzione. Sebbene piccoli rispetto alla base di dipendenti Pixar di circa 1.200, i licenziamenti sono notevoli perché lo studio è una forza creativa che genera franchise ed entrate economiche in Disney. La Pixar è famosa per i franchise cinematografici tra cui “Toy Story”, “Gli Incredibili” e “Cars”. Ma “Lightyear”, uscito un anno fa con un budget dichiarato di 200 milioni di dollari, ha solo 226,7 milioni di dollari in vendite di biglietti in tutto il mondo e ha ricevuto un’accoglienza di critica mista. Al contrario, “Gli Incredibili 2” della Pixar nel 2018, con un budget di produzione simile, ha registrato vendite al botteghino in tutto il mondo per 1,2 miliardi di dollari. “Lightyear” non è stato mostrato in 14 paesi del Medio Oriente e dell’Asia a causa della sua rappresentazione di una relazione tra persone dello stesso sesso. Ciò ha avuto un impatto sulla sua performance al botteghino. La Disney ha implementato licenziamenti in ogni divisione, inclusi film e televisione, servizi di streaming e parchi a tema. L’ultima volta che la Pixar ha tagliato i lavori è stato nel 2013, dopo che lo studio posticipò l’uscita del film del 2015 “The Good Dinosaur” e rimosso il suo regista, Bob Peterson. Furono eliminate circa 30 posizioni. La Disney ha acquisito la Pixar nel 2006 per rivitalizzare la sua Disney Animation in difficoltà.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

La sfida dei contratti: necessario cambiare il modello di sviluppo, devono tornare al centro i temi del lavoro, sicurezza e ambiente

Angelica Bianco

Vodafone lancia Neo, lo smartwatch per bambini

Redazione

Orlando: “Stop licenziamenti fino a ottobre per chi non ha Cig”

Redazione

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.