venerdì, 14 Giugno, 2024
Giovani

Scuola: da Regione Lombardia 12mln in più per inclusione disabili

È di 12 milioni di euro in più il contributo a disposizione per i servizi di inclusione scolastica a favore degli studenti con disabilità fisica, intellettiva e sensoriale, che frequentano i corsi dell’istruzione secondaria di secondo grado e quelli del sistema di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP), stanziato dalla Regione Lombardia. In particolare, è stata approvata una delibera dalla Giunta regionale presieduta dal governatore Attilio Fontana e su proposta dell’assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro Simona Tironi. Oggi a Palazzo Lombardia il presidente della Regione Attilio Fontana, insieme con l’assessore Tironi, il vicepresidente Anci Lombardia Federica Bernardi, la vicepresidente alleanza welfare Lombardia Maria Grazia Campese e il presidente Ledha Lombardia Alessandro Manfredi hanno illustrato le nuove disposizioni, in particolar modo quelle riguardanti il servizio di trasporto scolastico e il servizio di assistenza per l’autonomia e la comunicazione personale per l’anno scolastico 2023-2024.   Il contributo ai Comuni per l’organizzazione e la gestione di questi servizi è stato incrementato fino a 80 milioni. Il provvedimento è stato approvato di concerto con gli assessori regionali al Welfare Guido Bertolaso e alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità Elena Lucchini. Le nuove disposizioni prevedono un incremento di 2 euro per ogni ora di assistenza educativa erogata, portando il contributo regionale da 21 a 23 euro; la previsione che la quota corrisposta dai Comuni ai soggetti economici selezionati per l’assistenza debba essere almeno pari a 23 euro; una nuova disciplina dell’attività degli assistenti in caso di assenza degli studenti e, in particolare, per assenze fino a 10 giorni scolastici consecutivi. In tal caso l’assistente è tenuto ad andare in classe e la cooperativa che eroga il servizio è remunerata. Invece per le assenze di durata superiore ai 10 giorni, in via prioritaria, laddove fattibile in ragione delle condizioni dello studente con disabilità e al fine di garantire la continuità delle attività, l’assistenza deve essere assicurata a domicilio.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Rinviati a settembre Istruzione, Turismo e Sport: voto in pagella al programma di Governo e Regioni per i giovani

Tommaso Paparo*

Docenti tutor: aderiscono oltre 52 mila insegnanti

Federico Tremarco

OCSE, Education at a Glance 2020: uno sguardo sullo stato dell’istruzione italiana

Rosaria Vincelli

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.