lunedì, 26 Febbraio, 2024
Energia

In Marocco si va verso una migliore gestione delle risorse idriche

il ministro marocchino delle Attrezzature e dell’Acqua Nizar Baraka, durante la conferenza al SIAM ha sottolineato quanto sia fondamentale il legame tra la gestione delle risorse idriche e il raggiungimento della sovranità alimentare. Ha ribadito che per tutte le stazioni di desalinizzazione dell’acqua, le energie rinnovabili vengono utilizzate per avere un mix tra energia e acqua e sovranità alimentare. A tal proposito, ha ricordato che il Marocco dispone di diverse centrali idroelettriche, tra cui 152 grandi dighe con 18 nuove dighe in costruzione, che consentiranno di raggiungere i 25 miliardi di metri cubi entro il 2030 in termini di capacità di stoccaggio, 136 piccole dighe in uso, 16 centrali elettriche per il trasferimento e il trasporto dell’acqua, 12 stazioni di desalinizzazione dell’acqua di mare e 158 stazioni di trattamento delle acque reflue.   Tuttavia, Nizar Baraka ha osservato che le risorse idriche del Marocco stanno subendo diversi vincoli principalmente a causa dei cambiamenti climatici, in particolare con l’aumento della temperatura media e il deficit delle precipitazioni, oltre all’aumento della domanda di acqua, all’erosione del suolo, allo sfruttamento eccessivo delle falde acquifere e all’inquinamento delle risorse idriche. Spiega che il governo sta lavorando per garantire la sicurezza idrica garantendo la sicurezza alimentare e la sovranità.   Per le stazioni di desalinizzazione parte dell’acqua sarà utilizzata per l’irrigazione, lavori già avviati nella stazione di Agadir, nota il ministro. Indica che la desalinizzazione dell’acqua di mare e il trattamento delle acque reflue serviranno all’agricoltura, il che significa che una grande quantità dell’acqua che era destinata all’acqua potabile per le città costiere, sarà destinata all’agricoltura e al mondo rurale. Da parte sua, la Segretaria di Stato del ministero Federale dell’Alimentazione e dell’Agricoltura, Ophelia Nick, ha indicato che rendere i sistemi alimentari più sostenibili e più resilienti richiede un lavoro collettivo per trovare soluzioni che possano garantire un futuro sano e sostenibile per le generazioni future. Secondo lei, è necessario concentrarsi sulla produzione sostenibile per ridurre al minimo i problemi ambientali e proteggere le risorse naturali.

Condividi questo articolo:
Sponsor

Articoli correlati

Gli italiani chiedono per il Paese la transizione ecologica e digitale

Redazione

Acea premia studenti vincitori del progetto risparmio idrico e ambiente

Redazione

Rifiuti, Utilitalia: obiettivi Ue al 2035 ancora lontani

Angelica Bianco

Lascia un commento

Questo modulo raccoglie il tuo nome, la tua email e il tuo messaggio in modo da permetterci di tenere traccia dei commenti sul nostro sito. Per inviare il tuo commento, accetta il trattamento dei dati personali mettendo una spunta nel apposito checkbox sotto:
Usando questo form, acconsenti al trattamento dei dati ivi inseriti conformemente alla Privacy Policy de La Discussione.